Carlo Goldoni
Il ritorno dalla villeggiatura

ATTO PRIMO

Scena Sesta. Servitore e le suddette

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Sesta. Servitore e le suddette

 

SERVITORE: Signora, è qui il signor Guglielmo che le vorrebbe far riverenza.

BRIGIDA: (Veggiamo un poco la sua bravura).

GIACINTA: (Oimè! che mai vuol dire questo gran foco che improvvisamente m'accende?).

BRIGIDA: (Oh! come vien rossa la poverina!).

GIACINTA: (Eh! coraggio ci vuole. Superiamola quest'indegna passione). Venga pure, è padrone.

SERVITORE (parte.)

BRIGIDA: Coraggio, signora padrona.

GIACINTA: Perché coraggio? A che mi vai tu insinuando il coraggio? Di che cosa ho d'aver timore? (Eccolo. Oh cieli? tremo tutta, la passion mi tradisce ed il valore mi manca). Brigida, un improvviso dolor di stomaco mi obbliga a ritirarmi. Ricevi tu il signor Guglielmo, e digli che mi perdoni... (Ah! mi ucciderei colle mie mani). (Parte.)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License