Carlo Goldoni
La vedova spiritosa

ATTO TERZO

SCENA OTTAVA   Don Berto, don Isidoro e don Ferramondo

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA OTTAVA

 

Don Berto, don Isidoro e don Ferramondo.

 

BER.

(Non so cos'abbia a credere). (da sé)

FER.

Del detto io non mi pento;

S'ei tace e si avvilisce, più forte è l'argomento.

ISI.

(E intanto non si desina). (da sé) Signore, un cavaliere.

Può andar liberamente.

FER.

Conosco il mio dovere.

Correggere un par mio temerità si chiama;

Ma non andrò, se prima non sappialo la dama.

ISI.

Alfine quest'istoria abbiam da terminarla.

Volete donna Placida? Anderò ad avvisarla. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License