Carlo Goldoni
La vedova spiritosa

ATTO TERZO

SCENA TREDICESIMA   Don Fausto e la suddetta

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TREDICESIMA

 

Don Fausto e la suddetta.

 

FAU.

Temerei con ragione venir rimproverato

Di essere inopportuno sollecito tornato,

Se grazia non sperassi, anzi che sdegni ed onte;

Qua dove delle grazie è situato il fonte.

PLA.

Esser con più giustizia da voi rimproverata

Potrei d'aver sì tardi risposto all'imbasciata,

Se certa non foss'io che il vostro cuor non usa

Per accordar perdono attendere la scusa.

FAU.

Signora, io mi rammento la legge ed il comando:

Quel che voi comandaste, per grazia io vi domando.

Meno gentil deh siate, meno cortese meco,

Se il cor ne' suoi trasporti dev'essere men cieco.

PLA.

Come! vi scordereste quel ch'io ricuso e temo?

FAU.

Bramo di compiacervi, ma di me stesso io tremo.

Lungi da voi, virtude parmi d'aver sì forte,

Da non temer di perdere la gloria in queste porte.

Ma nell'udirvi appena a ragionarumile,

Ah che il valor vien meno, ah che ritorno un vile.

Dove s'intese mai nel militar conflitto,

Che sia contro al nemico resistere un delitto?

Pur nella pugna vostra, se bramo aver vittoria,

Deggio fuggirvi, e perdere di vincervi la gloria.

Perdo, se vi conquisto, del mio trionfo il merto,

E se vi cedo il campo, il mio morire è certo.

PLA.

Guerra d'amor dissimile è al guerreggiar di Marte;

Altre le leggi sono, altro il costume e l'arte.

tra le fiamme e il ferro, gloria il valor concede,

Qua un generoso amante trionfa allor che cede.

Nell'insultare il vinto gode il guerriero audace:

Un amator discreto cela le palme, e tace.

FAU.

Sì, celar la vittoria son dal dovere accinto;

Basta che voi diciate che ho trionfato e vinto.

PLA.

Nol dissi, e non sperate che segno alcun vel mostri.

FAU.

Se il labbro a me lo tace, parlano gli occhi vostri.

PLA.

Se gli occhi a mio malgrado vagliono a lusingarvi,

Fuggirò in avvenire anco di rimirarvi.

Troppo in mio cor prevale l'amor di libertate;

Temo le insidie vostre; non vi lusingo: andate.

FAU.

Vi ubbidirò. All'amore prevalga il mio rispetto.

Ah, che son io vincendo a perdere costretto. (in atto di allontanarsi)

PLA.

Don Fausto. (chiamandolo dolcemente)

FAU.

Mia sovrana. (rispondendo )

PLA.

Partite?

FAU.

Ah sì, lo veggio

Che ogni lusinga è vana, e che lasciarvi io deggio.

PLA.

Ma non vi rammentate, che più d'ogni insistenza

Soglio del vostro cuore temer la compiacenza?

FAU.

Posso restar?

PLA.

Restate. (Sento un interno affanno!) (da sé)

FAU.

S'io resto, quei begli occhi mirar non mi vorranno!

PLA.

No, sì crudel non sono. (mirandolo con tenerezza)

FAU.

Bei sguardi lusinghieri! (mirandola dolcemente)

PLA.

Vincer voi mi volete. (come sopra)

FAU.

Dite ch'io v'ami, e speri. (come sopra)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License