Carlo Goldoni
I rusteghi

ATTO PRIMO

Scena Prima. Margarita che fila. Lucietta che fa le calze. Ambe a sedere

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

ATTO PRIMO

 

Scena Prima. Margarita che fila. Lucietta che fa le calze. Ambe a sedere

 

Camera in casa di Lunardo

 

LUCIETTA Siora madre.

MARGARITA Fia1 mia.

LUCIETTA Deboto2 fenìo3 carneval.

MARGARITA Cossa diseu, che bei spassi, che avemo abuo?4

LUCIETTA De diana! gnanca una strazza de commedia no avemo visto.

MARGARITA Ve feu maraveggia per questo? Mi gnente affato. deboto sedese mesi, che son maridada, m'àlo mai menà in nissun liogo vostro sior padre?

LUCIETTA E sì, sàla? no vedeva l'ora, che el se tornasse a maridar. Co giera5 sola, in casa, diseva tra de mi: lo compatisso sior padre; élo no me vol menar, nol gh'ha nissun da mandarme; se el se marida, anderò co siora maregna. El s'ha tornà a maridar, ma per quel, che vedo, no ghe gnente né per mi, né per éla.

MARGARITA El un orso, fia mia; nol se diverte élo, e nol vol che se divertimo gnanca nu. E sì, savè? co giera da maridar, dei spassi no me ne mancava. Son stada arlevada ben. Mia mare6 giera una donna sutila, e se qualcossa no ghe piaseva la saveva criar, e la saveva menar le man. Ma ai so tempi la ne dava i nostri divertimenti. Figurarse, l'autuno se andava do o tre volte al teatro; el carneval cinque o sie.7 Se qualchedun ghe dava una chiave de palco la ne menava all'opera, se no, alla comedia, e la comprava la so bona chiave, e la spendeva i so boni bezzeti. La procurava de andar dove la saveva, che se fava8 delle comedie bone, da poderghe menar de le fie, e la vegniva con nu, e se divertivimo. Andévimo, figurarse, qualche volta a Reduto; un pochetin sul Liston,9 un pochetin in Piazzeta da le stròleghe, dai buratini, e un pèr de volte ai casoti. Co stevimo po in casa, gh'avevimo sempre la nostra conversazion. Vegniva i parenti, vegniva i amici, anca qualche zovene; ma no ghe giera pericolo, figurarse.

LUCIETTAFigurarse, figurarse»; la l'ha dito fin adesso sie volte).

MARGARITA No digo; che no son de quele, che ghe piasa tutto el zorno andar a torziando10 . Ma, sior sì. Qualche volta me piaserave a mi.

LUCIETTA E mi, poverazza, che no vago mai fora della porta? E nol vol mo gnanca11 che vaga un fià12 al balcon? L'altro zorno me son butada cusì, un pocheto in scampar; m'ha visto quella petazza13 della lasagnera14 , la ghe l'ha dito, e ho credesto, che el me bastona.

MARGARITA E a mi quante no me n'àlo dito per causa vostra?

LUCIETTA De diana! cossa ghe fazzio?

MARGARITA Vu almanco, fia mia, ve mariderè; ma mi gh'ho da star fin, che vivo.

LUCIETTA La diga, siora madre, me marideròggio?

MARGARITA Mi crederave de sì.

LUCIETTA La diga, siora madre, e quando me marideròggio?

MARGARITA Ve mariderè, figurarse, quando, che el Cielo vorà.

LUCIETTA El Cielo me marideràlo, senza che mi lo sappia?

MARGARITA Che spropositi! l'avè da saver anca vu.

LUCIETTA Nissun gnancora m'ha dito gnente.

MARGARITA Se no i ve l'ha dito, i ve lo dirà.

LUCIETTA Ghe gnente in cantier?15

MARGARITA Ghe , e no ghe ; mio mario no vol che ve diga gnente.

LUCIETTA Cara éla, la diga.

MARGARITA No dasseno, fia mia.

LUCIETTA Cara éla, qualcossa.

MARGARITA Se ve digo gnente, el me salta ai occhi co fa16 un basilisco.

LUCIETTA Noi lo saverà miga sior padre, se la me lo dise.

MARGARITA Oh figurarse, se no lo dirè!

LUCIETTA No dasseno, figurarse, che no lo digo.

MARGARITA Cossa gh'intra sto «figurarse»?

LUCIETTA No so gnanca mi, gh'ho sto uso, el digo, che no me n'incorzo.

MARGARITA (Gh'ho in testa, che la me burla mi sta frascona).

LUCIETTA La diga, siora madre.

MARGARITA Animo laorè,17 l'aveu gnancora fenìa quella calza!

LUCIETTA Deboto.

MARGARITA Se el vien a casa élo18 , e che la calza no sia fenìa, el dirà che sé stada su per i balconi, e mi no vòi figurarse... (sia maledeto sto vizio!)

LUCIETTA La varda co spessego19 . La me diga qualcossa de sto novizzo.20

MARGARITA De qual novizzo?

LUCIETTA No dìxela, che me mariderò?

MARGARITA Pol esser.

LUCIETTA Cara éla, se la sa qualcossa.

MARGARITA No so gnente. (con un poco di collera)

LUCIETTA Gnanca mo gnente, mo, gnanca mo.21

MARGARITA Son stuffa.

LUCIETTA Sia malignazo22. (con rabbia)

MARGARITA Cosssti sesti?23

LUCIETTA No gh'ho nissun a sto mondo, che me voggia ben.

MARGARITA Ve ne voggio anca troppo, frascona.

LUCIETTA Ben da maregna24. (a mezza voce)

MARGARITA Cossa aveu dito?

LUCIETTA Gnente.

MARGARITA Sentì, savè, no me stè a seccar, che deboto, deboto... (con isdegno) Davantazo25 ghe ne soporto assae in sta casa. Gh'ho un mario che me rosega26 tutto el zorno, no ghe mancarave altro, figurarse, che m'avesse da inrabiar anca per la fiastra.27

LUCIETTA Mo cara siora madre la va in colera molto presto!

MARGARITA (La gh'ha squasi rason. No giera cusì una volta, son deventada una bestia. No ghremedio; chi sta col lovo28 impara a urlar).

 





p. -
1 Figlia.



2 Or'ora.



3 È finito; servendo per sempre, che il in veneziano vuol dire «è». «est».



4 Avuto.



5 Quando io era.



6 Madre.



7 Sei.



8 Si faceva.



9 Situazione stabilita dall'uso nella gran Piazza di San Marco, ove si fa il passeggio delle maschere.



10 Andar gironi.



11 Nemmeno.



12 Un poco.



13 Sguaiata.



14 Che vende le paste.



15 C'è niente per aria?



16 Come



17 Via lavorate.



18 Egli, cioè s'intende il padrone di casa.



19 Come io mi sollecito.



20 Sposo.



21 Quel mo repplicato è un certo modo caricato di lamentarsi, conveniente all'età di Lucietta.



22 Lo stesso che maledetto, ma con più modestia.



23 Che malegrazie son queste?



24 Matrigna



25 Di vantaggio.



26 Mi rode, mi tormenta



27 Figliastra



28 Lupo



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License