Carlo Goldoni
I rusteghi

ATTO PRIMO

Scena Seconda. Lunardo e dette

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Seconda. Lunardo e dette

 

LUNARDO (entra e viene bel bello, senza parlare)

MARGARITA (Vèlo qua per diana). (s'alza)

LUCIETTA (El vien co fa i gatti). (s'alza) Sior padre, patron.

MARGARITA Sioria. No se saludemo gnanca? (a Lunardo)

LUNARDO Laorè, laorè. Per farme un complimento tralassé de laorar?

LUCIETTA Ho laorà fin adesso. Ho deboto fenìo la calza.

MARGARITA Stago a véder, figurarse, che siémo pagae a zornada.29

LUNARDO Vu sempre, vegnimo a dir el merito30 , me sempre de ste risposte.

LUCIETTA Mo via, caro sior padre; almanco in sti ultimi zorni de carneval, che nol staga a criar. Se no andemo in nissun logo, pazenzia; stemo in pase31 almanco.

MARGARITA Oh, élo no pol star un zorno senza criar.

LUNARDO Sentì che strambazza? Cossa songio? un tartaro? una bestia? De cossa ve podeu lamentar? Le cosse oneste le me piase anca a mi.

LUCIETTA Via donca, che el ne mena un pocheto in maschera.

LUNARDO In maschera? In maschera?

MARGARITA (Adesso, el va zoso)32

LUNARDO E avè tanto muso33 de dirme, che ve mena in maschera? M'aveu mai visto mi, vegnimo a dir el merito, a meterme el volto sul muso? 34 Coss'èla sta maschera? Per cossa se va in maschera? No me fe parlar; le putte35 no ha da andar in maschera.

MARGARITA E le maridae?

LUNARDO Gnanca le maridae, siora no, gnanca le maridae.

MARGARITA E per cossa donca le altre, figurarse, ghe vàle?

LUNARDO «Figurarse, figurarse». Mi penso a casa mia, e no penso ai altri. (la burla del suo intercalare)

MARGARITA Perché, «vegnimo a dir el merito», perché sé un orso. (fa lo stesso)

LUNARDO Siora Margarita, la gh'abia giudizio.

MARGARITA Sior Lunardo, no la me stuzzega.

LUCIETTA Mo via, sia malignazo! sempre cusì. No m'importa d'andar in maschera. Starò a casa, ma stemo in bona.

LUNARDO No sentìu? Vegnimo... no sentìu? La éla che sempre...

MARGARITA (ride)

LUNARDO Ridè, patrona?

MARGARITA Ve n'aveu per mal, perché rido?

LUNARDO Via, vegnì qua tutte do36 , sentì. Delle volte anca mi gh'ho qualcossa per la testa, e par, che sia fastidioso, ma ancuo37 son de voggia. Semo de carneval, e vòi, che se tolemo la nostra zornada.38

LUCIETTA Oh .39

MARGARITA Via mo, sentimo.

LUNARDO Sentì; voggio, che ancuo disnemo in compagnia.

LUCIETTA Dove, dove, sior padre? (con allegria)

LUNARDO In casa.

LUCIETTA In casa? (malinconica)

LUNARDO Siora sì, in casa. Dove voressi che andessimo? all'osteria?

LUCIETTA Sior no all'osteria.

LUNARDO In casa de nissun mi no vago40 , mi no vago, vegnimo a dir el merito, a magnar le coste a nissun.

MARGARITA Via, via, no ghe tendè. Parlè con mi, figuremose, voleu invidar qualchedun?

LUNARDO Siora sì. Ho invidà della zente, e i vegnirà qua, e se goderemo, e staremo ben.

MARGARITA Chi aveu invidà?

LUNARDO Una compagnia de galantomeni, tra i quali ghe ne do de maridai, e i vegnirà co le so parone,41 e staremo alliegri.

LUCIETTA (Via, via gh'ho a caro). (allegra) Caro élo, chi xèli? (a Lunardo)

LUNARDO Siora curiosa!

MARGARITA Via, caro vecchio42, no volè che sappiemo chi ha da vegnir?

LUNARDO No voleu, che vel diga? Se sa. Vegnirà sior Canzian Tartuffola, sior Maurizio dalle Strope, e sior Simon Maroele.

MARGARITA Cospeto de diana! tre cai su la giusta! I avè ben trovai fora del mazzo.

LUNARDO Cossa voressi dir? No i tre omeni co se diè?43

MARGARITA Sior sì. Tre salvadeghi come vu.

LUNARDO Eh, patrona, al tempo d'ancuo, vegnimo a dir el merito, a un omo, che gh'ha giudizio se ghe dise un omo salvadego. Saveu perché? Perché vualtre donne tropo desmesteghe. No ve contentè dell'onesto; ve piaserave i chiasseti, i pacchieti, le mode, le buffonerie, i putelezzi.44 A star in casa, ve par de star in preson.45 Co i abiti no costa assae, no i beli; co no se pratica, ve vien la malinconia, e no pensé al fin; e no gh'avè un fià de giudizio, e ascoltè chi ve mette su, e no ve fa specie sentir quel che se dise46 de tante case, de tante fameggie precipitae; chi ve drio47 se fa menar per lengua,48 se fa meter sui ventoli,49 e chi vol viver in casa soa con riguardo, con serietà, con reputazion, se ghe dise, vegnimo a dir el merito, seccaggine, omo rustego, omo salvadego. Pàrlio ben? Ve par che diga la verità?

MARGARITA Mi no vòi contender; tutto quel, che volè. Vegnirà donca a disnar con nu siora Felice, e siora Marina.

LUNARDO Siora sì. Cusì, vedeu? me piase anca mi praticar. Tutti col so matrimonio. Cusì no ghe sporchezzi,50 no ghe , vegnimo a dir el merito... Cosa steu a ascoltar? Adesso no se parla con vu. (a Lucietta)

LUCIETTA Xèle cosse, che mi no possa sentir? (a Lunardo)

LUNARDO (No vedo l'ora de destrigarmela).(piano a Margherita)

MARGARITA (Come va quel negozio?) (piano a Lunardo)

LUNARDO (Ve conterò). (piano a Margherita) Andè via de qua. (a Lucietta)

LUCIETTA Cossa ghe fazzio?

LUNARDO Andè via de qua.

LUCIETTA De diana! el impastà de velen.

LUNARDO Andè via, che ve dago una schiaffazza in tel muso.

LUCIETTA Séntela, siora madre?

MARGARITA Via, col v'ha dito, che andè, obedì. (con caldezza)

LUCIETTA (Oh, se ghe fusse mia mare bona! Pazzenzia, se me vegnisse un scoazzer51, lo torìa. (parte)

 





p. -
29 Pagate a giornata.



30 Un intercalare vizioso.



31 In pace.



32 Va giù, fuori.



33 E avete tanta faccia?



34 La maschera sulla faccia?



35 Le fanciulle.



36 Tutte due



37 Oggi.



38 Che ci prendiamo la nostra giornata. I capi di casa all'antica concedevano una giornata di carnovale alla famiglia. Ora tutti i giorni sono compagni.



39 Il Ciel volesse.



40 Non vado



41 Padrone, cioè mogli



42 Parola detta per amore



43 Co se diè: è un detto di baso volgo, che spiega essere quei' taliuomini di proposito, cioè come devono essere.



44 Ragazzate.



45 Prigione



46 Quello che si dice.



47 Chi vi seconda.



48 Fa mormorare



49 Farsi mettere sui ventagli, è lo stesso che farsi ridicoli.



50 Porcherie.



51 Uno di quelli che raccolgono le immondizie



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License