Carlo Goldoni
I rusteghi

ATTO PRIMO

Scena Terza. Lunardo e Margarita

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Terza. Lunardo e Margarita

 

MARGARITA Caro sior Lunardo, sul so viso, no ghe dago rason, ma in verità sé troppo rustego con quela puta.

LUNARDO Vedeu? vu no savè gnente. Ghe voggio ben, ma la tegno in timor.

MARGARITA E mai che ghe dessi un devertimento.

LUNARDO Le pute le ha da star a casa, e no le se mena a torziando.

MARGARITA Almanco una sera alla comedia.

LUNARDO Siora no. Vòi poder dir, co la marido; tolè, sior, ve la dago, vegnimo a dir el merito, che no la s'ha mai messo maschera sul viso, che no la mai stada a un teatro.

MARGARITA E cusì, vàlo avanti sto maridozzo?52

LUNARDO Gh'aveu dito gnente a la puta?

MARGARITA Mi? Gnente.

LUNARDO Vardè ben, vedè.

MARGARITA No in verità, ve digo.

LUNARDO Mi credo, vedè, mi credo d'averla maridada.

MARGARITA Con chi? se porlo saver?

LUNARDO Zito, che gnanca l'aria lo sapia. (guarda intorno) Col fio de sior Maurizio.

MARGARITA Co sior Filipetto?

LUNARDO Sì, zito, no parlè.

MARGARITA Zito, zito, de diana! xèlo qualche contrabando?

LUNARDO No voggio, che nissun sapia i fati mi.

MARGARITA Se faràlo presto?

LUNARDO Presto.

MARGARITA L'àlo fata domandar?

LUNARDO No pensé altro. Che l'ho promessa.

MARGARITA Anca promessa ghe l'avè? (con ammirazione)

LUNARDO Siora sì, ve feu maraveggia?

MARGARITA Senza dir gnente?

LUNARDO Son paron mi.

MARGARITA Cossa ghe deu de dota?

LUNARDO Quelo, che voggio mi.

MARGARITA Mi son una statua, donca. A mi, figurarse, no se me dise gnente.

LUNARDO «Figurarse, figurarse», no ve lo dìghio adesso?

MARGARITA Sior sì, e la puta quando lo saveràla?

LUNARDO Co la se sposerà.

MARGARITA E no i s'ha da véder avanti?

LUNARDO Siora no.

MARGARITA Seu seguro, che el gh'abia da piàser?

LUNARDO Son paron mi.

MARGARITA Ben ben; la vostra fia. Mi no me n'impazzo;53 pur quel che volè vu.

LUNARDO Mia fia no vòi che nissun possa dir d'averla vista, e quel che la vede, l'ha da sposar.

MARGARITA E se col la vede nol la volesse?

LUNARDO So pare m'ha parola.

MARGARITA Oh che bel matrimonio!

LUNARDO Cossa voressi? che i fasse prima l'?

MARGARITA I bate, i bate; vago a véder chi è.

LUNARDO No ghe la serva?

MARGARITA La a far i leti, anderò a véder mi.

LUNARDO Siora no. No vòi, che andè sul balcon.

MARGARITA Vardè che casi!

LUNARDO No vòi, che gh'andè, gh'anderò mi. Comando mi, vegnimo a dir el merito, comando mi. (parte)

 





p. -
52 Trattato di matrimonio, in modo di dire bassissimo.



53 Non m'impiccio.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License