Carlo Goldoni
I rusteghi

ATTO PRIMO

Scena Quarta. Margarita, poi Lunardo

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Quarta. Margarita, poi Lunardo

 

MARGARITA Mo che omo, che m'ha toccà! no ghel compagno sotto la capa del cielo.54 E po el me stuffa con quel so «vegnimo a dir el merito»; deboto, figurarse, no lo posso più soportar.

LUNARDO Saveu chi ?

MARGARITA Chi?

LUNARDO Sior Maurizio.

MARGARITA El pare del novizzo?

LUNARDO Tasé. Giusto élo.

MARGARITA Viènlo per stabilir?

LUNARDO Andè de .

MARGARITA Me mandè via?

LUNARDO Siora sì; andè via de qua.

MARGARITA No volè, che senta?

LUNARDO Siora no.

MARGARITA Vardè vedè! cossa songio mi?55

LUNARDO Son paron mi.

MARGARITA No son vostra muggier?56

LUNARDO Andè via de qua, ve digo.

MARGARITA Mo che orso che sé!

LUNARDO Destrighève57

MARGARITA Mo che satiro! (incaminandosi a piano)

LUNARDO La fenìmio?58 (con isdegno)

MARGARITA Mo che bestia de omo! (parte)

 





p. -
54 Modo di dire, che è lo stesso, come se si dicesse sotto il cielo, semplicemente.



55 Cosa sono io?



56 Moglie



57 Spicciatevi



58 La vogliamo finire?



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License