Carlo Goldoni
I rusteghi

ATTO PRIMO

Scena Sesta. Marina e Filippetto

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Sesta. Marina e Filippetto

 

Camera in casa del signor Simon

 

MARINA Coss'è, nevodo73 ? Che miracolo, che me vegnì a trovar?

FILIPPETTO Son vegnù via de mezà,74 e avanti de andar a casa son vegnù un pochetin a saludarla.

MARINA Bravo, Filipeto; avè fato ben. Sentève75 , voleu marendar?76

FILIPPETTO Grazie, sior'àmia.77 Bisogna che vaga a casa, ché se sior padre no me trova, povereto mi.

MARINA Diséghe, che sé stà da vostra àmia Marina, cossa diràlo?

FILIPPETTO Se la savesse! nol tase mai, nol me lassa mai un momento de libertà.

MARINA El fa ben, da una banda. Ma da vostr'àmia el ve doverave lassar vegnir.

FILIPPETTO Ghe l'ho dito; nol vol che ghe vegna.

MARINA Mo el ben un satiro compagno de mio mario.

FILIPPETTO Sior barba78 Simon, ghe xèlo in casa?

MARINA Nol ghe , ma no pol far che el vegna.

FILIPPETTO Anca élo, co el me vede, co vegno qua, el me cria.

MARINA Lassé, che el diga. La sarave bela. Sé mio nevodo. Sé fio de una mia sorela; quela poverazza morta, e posso dir, che no gh'ho altri a sto mondo, che vu.

FILIPPETTO No vorave, che, per causa mia, el ghe criasse anca a éla.

MARINA Oh per mi, fio mio, no vo tolè sto travaggio. Se el me dise tantin, mi ghe respondo tanton. Povereta mi, se no fasse cusì! Su tuto el cateria da criar. No credo, che ghe sia a sto mondo un omo più rustego de mio mario.

FILIPPETTO Più de sior padre?

MARINA No so, vedè, la bate .

FILIPPETTO Mai, mai, dopo che son a sto mondo, nol m'ha mai un minimo spasso. El da laorar79 a mezà, e a casa. La festa a far quel che va fatto, e po subito a casa. El me fa compagnar dal servitor, e ghe n'ha volesto a persuader el servitor a menarme qua stamatina. Mai una volta alla Zueca80 , mai a Castelo,81, mi no credo de esser passà in vita mia tre o quattro volte per Piazza,82 quel, che el fa élo, el vol che fazza anca mi. La sera fina do ore se sta in mezà, se cena, se in leto, e bondì siorìa.

MARINA Povero puto; dasseno me peccà. vero; la zoventù, bisogna tegnirla in fren, ma el tropo tropo.

FILIPPETTO Basta; no so, se da qua avanti l'anderà cusì.

MARINA Sé in ti ani de la discrezion, el ve doverave dar un pocheto de libertà.

FILIPPETTO Sàla gnente, sior'àmia?

MARINA De cossa?

FILIPPETTO Nol gh'ha dito gnente sior padre?

MARINA Oh un pezzo, che no lo vedo.

FILIPPETTO No la sa gnente donca.

MARINA No so gnente. Cossa ghe de niovo?

FILIPPETTO Se ghe lo digo, ghe lo diràla a sior padre?

MARINA No, non v'indubitè.

FILIPPETTO La varda ben, la veda.

MARINA Ve digo de no, ve digo.

FILIPPETTO La senta, el me vuol maridar.

MARINA Dasseno?

FILIPPETTO El me l'ha dito élo.

MARINA Àlo trovà la novizza?

FILIPPETTO Siora sì.

MARINA Chi xèla?

FILIPPETTO Ghe lo dirò, ma, cara éla, la tasa.

MARINA Mo via, deboto me rabia. Cossa credeu, che sia?

FILIPPETTO La fia de sior Lunardo Cròzzola.

MARINA Sì, sì, la cognosso. Cioè, no la cognosso éla, ma cognosso so maregna, siora Margarita Salicola, che ha sposà sior Lunardo, e el amigo de mio mario, un salvadego co fa élo. Mo i s'ha ben catà83 , vedè, el padre del novizzo col padre de la novizza. L'aveu vista la puta?

FILIPPETTO Siora no.

MARINA Avanti de serar el contrato i ve la farà véder.

FILIPPETTO Mi ho paura de no.

MARINA Oh bela! e se no la ve piase?

FILIPPETTO Se no la me piase, mi no la togo per diana.

MARINA Sarave meggio, che la vedessi avanti.

FILIPPETTO Come vorla, che fazza?

MARINA Diséghelo a vostro sior padre.

FILIPPETTO Ghe l'ho dito, e el m'ha su la ose.84

MARINA Se savesse come far, vorave farvelo mi sto servizio.

FILIPPETTO Oh magari!

MARINA Ma anca quel orso de sior Lunardo nol la lassa véder da nissun so fia.

FILIPPETTO Se se podesse, una festa...,

MARINA Zito, zito che qua mio mario.

FILIPPETTO Vorla, che vaga via?

MARINA Fermève.

 





p. -
73 Nipote.



74 Studio, scrittoio.



75 Sedete.



76 Far colazione.



77 Zia.



78 Zio.



79 I giorni da lavoro.



80 La Giudecca, isola deliziosa dirimpetto a Venezia, e poco distante



81 Uno de' sentieri di Venezia, che ha delle passeggiate piacevoli.



82 Intendesi in Venezia, quando si dice la Piazza, quella di San Marco; le altre piazze si chiamano campi.



83 Si sono per l'appunto trovati.



84 Mi ha dato su la voce.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License