Carlo Goldoni
I rusteghi

ATTO PRIMO

Scena Nona. Marina, poi Felice, Canciano ed il conte Riccardo

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Nona. Marina, poi Felice, Canciano ed il conte Riccardo

 

MARINA Mo caro! mo siestu benedetto! mo che bona grazia, che el gh'ha! I batte.95 Oe, vardè che i batte. (alla scena) La una cossa da far rider i capponi. Ho d'andar a disnar fora de casa senza saver dove? Gh'averave anca voggia de andarme a devertir un pocheto, ma senza saver dove, no vago. Se savesse come far a saverlo. Oh chi qua? Siora Felice! Chi con éla? Uno quel scempio96 de so mario. E quell'altro chi mai xèlo? Eh éla la gh'ha sempre qualchedun, che la serve. So mario de la taggia del mio97 ; ma Felice no se tol suggizion; la la vol a so modo, e quel poverazzo ghe va drio,98 come un can barbin. Me despiase de mio mario. Cossa diralo, se el vede tuta sta zente? Oe! che el diga quel che el vol; mi no li ho fari vegnir. Malegrazie no ghe ne vòi far.

FELICE Patrona, siora Marina.

MARINA Patrona, siora Felice. Patroni riveriti.

CANCIANO Patrona. (malinconico)

RICCARDO Servitore umilissimo della signora. (a Marina)

MARINA Serva sua. Chi xèlo sto signor? (a Felice)

FELICE Un conte, un cavalier forestier, un amigo de mio mario; n'è vero,99 sior Cancian?

CANCIANO Mi no so gnente.

RICCARDO Buon amico, e buon servitore di tutti.

MARINA Col amigo de sior Cancian, nol pol esser che una persona de merito.

CANCIANO Mi ve digo, che no so gnente.

MARINA Come no saveu gnente, se el vien con vu in casa mia?

CANCIANO Con mi?

FELICE Mo con chi donca? Caro sior Conte, la compatissa. Semo de carneval, sàla; mio mario se deverte un pocheto. El vol far taroccar siora Marina; n'è vero, sior Cancian?

CANCIANO (Bisogna che ingiotta).

MARINA (Oh co furba, che custìa!) Vorle sentarse? Le se comoda.

FELICE Sì, sentémose un pochetin. (siede) La se comoda qua, sior Conte.

RICCARDO La fortuna meglio non mi potea collocare.

CANCIANO E mi dove m'òi da sentar?

FELICE Andè , arente100 siora Marina. (a Canciano)

MARINA No, cara fia,101 che se vien mio mario, povereta mi. (piano a Felice)

FELICE Vardè ; no ghe de le careghe?102 (a Canciano)

CANCIANO Eh siora sì, la ringrazio. (siede in disparte)

RICCARDO Amico, se volete seder qui, siete padrone; non facciamo cerimonie. Io andrò dall'altra parte presso della signora Marina. (a Canciano)

MARINA Sior no, sior no, no la s'incomoda. (a Riccardo)

FELICE Per cossa dìsela ste fredure? Crédela fursi, che mio mario sia zeloso? Oe, sior Cancian, defendève.103 Sentì, i ve crede zeloso. Me maraveggio de éla, sior Conte. Mio mario un galantomo, el sa che muggier che el gh'ha, nol patisse sti mali, e se el li patisse, ghe li farave passar. La saria bela, che una donna civil no podesse tratar onestamente un signor, una persona pulita, che vien a Venezia, per sti quatro zorni de carneval, che me stada raccomandada da un mio fradelo che a Milan! Cossa diseu, Marina, no saràvela una inciviltà? no saràvela un'asenaria? Mio mario no de sto cuor, el gh'ha ambizion de farse merito, de farse onor, el gh'ha gusto che so muggier se deverta, che la fazza bona figura, che la staga in bona conversazion. N'è vero, sior Cancian?

CANCIANO Siora sì. (masticando)

RICCARDO Per dire la verità, io ne avea qualche dubbio; ma poiché voi mi disingannate, ed il signor Canciano il conferma, vivrò quietissimo, e mi approfitterò dell'onor di servirvi.

CANCIANO (Son stà mi una bestia, a receverlo in casa la prima volta).

MARINA Stàla un pezzo, sior Conte, a Venezia?

RICCARDO Aveva intenzione di starci poco; ma sono tanto contento di questa bella città, che prolungherò il mio soggiorno.

CANCIANO (Pussibile, che el diavolo no lo porta via?)

FELICE E cusì, siora Marina, ancuo disneremo insieme.

MARINA Dove?

FELICE Dove? no lo savè dove?

MARINA Mio mario m'ha dito qualcossa de sto disnar, ma el logo nol me l'ha dito.

FELICE Da siora Margarita.

MARINA Da sior Lunardo?

FELICE Sì ben.104

MARINA Adesso ho capìo. Fài nozze?105

FELICE Che nozze?

MARINA No savè gnente?

FELICE Mi no. Contème.106

MARINA Oh, novità grande.

FELICE De chi? De Lucietta?

MARINA Sì ben; ma, zito.

FELICE Cara vu, contème. (si tira appresso a Marina)

MARINA Sénteli?107 (accennando Riccardo e Canciano)

FELICE Sior Riccardo, la ghe diga qualcossa a mio mario, la ghe vaga a rente; la fazza un poco de conversazion anca con élo, el gh'ha gusto che i parla con so muggier, ma nol vol mo gnanca élo esser lassà in t'un canton. N'è vero sior Cancian?

CANCIANO Eh nol s'incomoda, che no me n'importa. (a Riccardo)

RICCARDO Anzi avrò piacere di discorrere col signor Canciano. Lo pregherò informarmi di alcune cose. (si accosta a Canciano)

CANCIANO (El sta fresco).

FELICE E cusì? (a Marina)

MARINA Andè , che sé una gran diavola. (a Felice)

FELICE Se no fosse cusì, morirave etica con quel mio mario.

MARINA E mi?...

FELICE Diséme, diséme. Cossa gh'è de Lucieta?

MARINA Ve dirò tuto; ma appian, che nissun ne senta.

RICCARDO Signore, parmi che voi mi badiate poco. (a Canciano)

CANCIANO La compatissa, gh'ho tanti intrighi per mi, che no posso tòrmene per i altri.

RICCARDO Bene dunque, non v'incomoderò più. Ma quelle signore parlano segretamente fra di loro, diciamo qualche cosa; facciamo conversazion fra di noi.

CANCIANO Cossa vorla, che diga? Mi son omo de poche parole; no stago su le novità, e no amo troppo la conversazion.

RICCARDO (È un bel satiro costui).

FELICE Nol l'ha vista? (a Marina)

MARINA No, e no i vol, che el la veda.

FELICE Mo questo el un gran codogno.108

MARINA Se savessi? pagheria qualcossa de belo che el la vedesse, avanti de serar el contrato.109

FELICE In casa nol ghe pol andar?

MARINA Oh gnanca per insonio.110

FELICE No se poderia co l'occasion de le maschere?...

MARINA Disé appian, che i ne sente.

FELICE Via, che i tenda111 ai fati soi. Che no i staga a spionar; che i parla, che parlemo anca nu. (a Riccardo) Sentì cossa, che me vien in testa. (a Marina, e si parlano piano)

RICCARDO Dove si va questa sera?

CANCIANO A casa.

RICCARDO E la signora?

CANCIANO A casa.

RICCARDO Fate conversazione?

CANCIANO Sior sì. In letto.

RICCARDO In letto? A che ora?

CANCIANO A do ore.112

RICCARDO Eh, mi burlate.

CANCIANOanca da so servitor.

RICCARDO (Sono male impicciato, per quel, ch'io vedo).

FELICE Cossa diseu? ve piàsela? (a Marina)

MARINA Sì ben; cusì andarave pulito. Ma no so come far a parlar con mio nevodo. Se el mando a chiamar, mio mario va in bestia.

FELICE Mandèghe a dir, che el vegna da mi.

MARINA E so pare?

FELICE No valo anca élo a disnar da sior Lunardo? Col fora de casa, che el vegna; lasséme el travaggio a mi. 113

MARINA E po?114 ...

FELICE E po, e po! dopo el Po vien l'Adese.115 Lasséme far a mi, ve digo.

MARINA Adessadesso lo mando a avisar.

FELICE Coss'è, seu mutti? (a Riccardo e Canciano)

RICCARDO Il signor Canciano non ha volontà di parlare.

FELICE Gramazzo! el gh'averà qualcossa per la testa. El pien d'interessi: el un omo de garbo, sàla, mio mario.

RICCARDO Dubito stia poco bene.

FELICE Dasseno? Oh povereta mi; me despiaserave assae. Cossa gh'aveu, sior Cancian?

CANCIANO Niente.

FELICE Per cossa dìselo, che el gh'ha mal? (a Riccardo)

RICCARDO Perché ha detto, che vuol andar a dormire a due ore di notte.

FELICE Dasseno? ben a governarve, fio mio. (a Canciano)

CANCIANO Ma ghe vegnirè anca vu.

FELICE Oh, aponto, no v'arecordè, che avemo da andar a l'opera?

CANCIANO A l'opera mi no ghe vago.

FELICE Come? Questa è la chiave del palco; me l'avè pur comprada vu. (a Canciano)

CANCIANO L'ho comprada... l'ho comprada, perché m'avè incinganà; ma a l'opera mi no ghe vago, e no gh'avè d'andar gnanca vu.

FELICE Oh caro! el burla sàla? El burla, savè, Marina? El mio caro mario me vol tanto ben, el m'ha comprà el palco, e el vegnirà a l'opera con mi: n'è vero fio? (Senti sa, no me far el mato, che povereto ti). (piano a Canciano)

MARINA (O che gaìna!116

FELICE Vorla restar servida con mi? Ghe logo in tel palco: n'è vero, sior Cancian? (a Riccardo)

CANCIANO (Siestu maledeta! La me fa far tuto quel che la vol).

 





p. -
95 Picchiano.



96 Stolido.



97 Suo marito è del fare del mio.



98 Le va dietro.



99 Non è egli vero?



100 Appresso



101 Cara fia, cara figlia, dicesi per amicizia.



102 Seggiole.



103 Difendetevi.



104 Lo stesso che sì.



105 Fanno nozze in casa?



106 Raccontatemi.



107 Sentono?



108 Codogno vuol dire melcotogno, ma qui s'intende per uno sproposito, per una cosa malfatta.



109 Vuol dire sottoscriver la scritta.



110 Nemen per sogno.



111 Che badino.



112 A due ore di notte, cioè due ore dopo il tramontar del sole.



113 Lasciate la cura a me.



114 E poi?



115 Scherzo di parole fra il Po fiume, e po proposizione, che vuol dire «poi». Dopo il Po vien l'Adese vuol dire, che dopo il Po si trova il fiume Adige, onde da cosa nasce cosa.



116 Finta, accorta, maliziosa.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License