Carlo Goldoni
I rusteghi

ATTO SECONDO

Scena Quarta. Simon, Marina e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Quarta. Simon, Marina e detti

 

MARINA Patrona, siora Margarita.

MARGARITA Patrona, siora Marina.36

LUCIETTA Patrona.

MARINA Patrona, fia, patrona.

MARGARITA Sior Simon, patron.

SIMON Patrona. (ruvido)

MARINA Sior Lunardo, gnanca? Pazenzia.

LUNARDO La reverisso. (Cavève37. (a Lucietta)

LUCIETTA (Gnanca se i me coppa no vago via).

SIMON Semo qua, sior Lunardo, a ricever le vostre grazie.

LUNARDO (Quela mata de mia muggier, ancuo la me vol far magnar tanto velen).

SIMON Mio cugnà Maurizio nol gnancora vegnù. (a Lunardo)

LUNARDO (Figurève cossa che el dirà sior Simon in tel so cuor, a véder sta cargadura38 de mia muggier).

MARINA (Vardè che bel sesto! nol ve bada gnanca). (a Simon)

SIMON Tasé , va; cossa gh'intreu? (a Marina)

MARINA Cara quela grazieta! (a Simon)

MARGARITA Via, siora Marina, la se cava zoso.

MARINA Volentiera. (vuole spuntarsi il zendale)

LUNARDO Andè de , siora, a cavarghe la vesta, e el zendà. (con rabbia a Margarita)

MARGARITA Via, via, figurarse, no me magné. Andemo, siora Marina.

LUNARDO E despoggiève anca vu. (a Margarita)

MARGARITA Anca mi m'ho da despoggiar? Cosa dìsela, siora Marina? El vol, che me despoggia. Xèlo belo mio mario? (ridendo)

MARINA De mi no la gh'ha d'aver suggizion. (a Margarita)

LUNARDO Sentìu? che bisogno ghe giera, vegnimo a dir el merito, che ve vestissi in andriè? (a Margarita)

MARGARITA Che caro sior Lunardo! e éla, figurarse, come xèla vestìa?

LUNARDO Éla fora de casa, e vu sé in casa.

SIMON Anca mi ho combatù do ore co sta mata. La s'ha volesto vestir a so modo. (a Lunardo) Mandè a casa a tòr el vostro cotuss.39 (a Marina)

MARINA Figurève se mando!

MARGARITA Andémo, andémo, siora Marina.

MARINA Vardè! gnanca se fussimo vestìe de ganzo!40

MARGARITA I cusì. Se gh'ha la roba, e no i vol che la se dopera.

MARINA I vederà siora Felice, come che la vestìa.

MARGARITA L'aveu vista?

MARINA La stada da mi.

MARGARITA Come gièrela, cara va?

MARINA Oe, in tabarin. (con esclamazione)

MARGARITA In tabarin?

MARINA E co pulito!

MARGARITA Sentìu, sior Lunardo? Siora Felice, figurarse, la in tabarin.

LUNARDO Mi no intro in ti fati dei altri. Ve digo a vu, a dir el merito, che la una vergogna.

MARGARITA Che abito gh'avévela? (a Marina)

MARINA Arzento a sguazzo.41

MARGARITA Sentìu? Siora Felice gh'ha l'abito co l'arzento, e vu criè perché gh'ho sto strazzeto de séa?42 (a Lunardo)

LUNARDO Cavèvelo, ve digo.

MARGARITA Sé ben minchion, se el credè. Andémo, andémo siora Marina. Se ghe tendessimo a lori43, i ne meterave i moccoli drio44. Se poderessimo ficcar in canéo45 . Della roba ghe n'ho, e fin che son zovene me la voggio gòder. (a Marina) Ma no gh'è altro; cusì la . (a Lunardo, e parte)

LUNARDO Custìa la me vol tirar a cimento

MARINA Caro sior Lunardo, bisogna compatirla. La ambiziosa; certo che no ghe giera bisogno, che per casa la mostrasse sta affetazion, ma la zovene: no la gh'ha gnancora el so bon intendacchio.46

SIMON Tasé . Vardève vu, siora petegola.

MARINA Se no portasse respeto dove che son...

SIMON Cossa diressi?

MARINA Ve diria di chi v'ha nanìo47. (Orso del diavolo). (parte)

 





p. -
36 Questo saluto: patron, patrona è l'ordinario, e quasi indispensabile di questo ordine di persone.



37 Andate via.



38 Caricatura.



39 Abito assai succinto, che si usava molti anni prima.



40 Di broccato.



41 Argento in quantità.



42 Di seta?



43 Se badassimo a loro.



44 «Mettere i moccoli dietro a qualcheduno» vuol dire svergognarlo, deriderlo.



45 Andarsi a nascondere.



46 Giudizio, detto burlescamente.



47 Vi direi delle villanie.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License