Carlo Goldoni
I rusteghi

ATTO SECONDO

Scena Quinta. Lunardo e Simon

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Quinta. Lunardo e Simon

 

SIMON Maridève, che gh'averè de sti gusti.

LUNARDO Ve recordeu de la prima muggier? Quella giera una bona creatura; ma questa la un muschieto! (a Simon)

SIMON Ma mi, mato bestia, che le donne no le ho mai podeste soffrir, e po son andà a ingambararme co sto diavolo descaenà.

LUNARDO Al d'ancuo no se se pol più maridar.

SIMON Se se vol tegnir la muggier in dover, se salvadeghi; se la se lassa far, se alocchi.

LUNARDO Se no giera per quella puta che gh'ho, ve protesto da galantomo, vegnimo a dir el merito, che no m'intrigava con altre donne.

SIMON Me stà dito, che la maridè; xe vero?

LUNARDO Chi ve l'ha dito? (con isdegno)

SIMON Mia muggier.

LUNARDO Come l'ala savesto? (con isdegno)

SIMON Credo, che ghe l'abia dito so nevodo.

LUNARDO Felipeto?

SIMON Sì, Felipeto.

LUNARDO Frascon, petegolo; babuin! So pare ghe l'ha confidà, e lu subito el lo andà a squaquarar? Conosso, che nol quel puto, che credeva, che el fusse. Son squasi pentìo d'averla promessa, e ghe mancherave poco, vegnimo a dir el merito, che no strazzasse el contrato.

SIMON Ve n'aveu per mal, perché el ghe l'ha dito a so àmia?

LUNARDO Sior sì; chi no sa tàser, no gh'ha prudenza, e chi no gh'ha prudenza, no omo da maridar.

SIMON Gh'avè rason, caro vecchio; ma al d'ancuo no ghe ne più de quei zoveni del nostro tempo. V'arecordeu? No se fava né più, né manco de quel che voleva nostro sior pare.

LUNARDO Mi gh'aveva do sorele maridae: no credo averle viste diese48 volte in tempo de vita mia.

SIMON Mi no parlava squasi mai gnanca co mia siora mare.

LUNARDO Mi al d'ancuo no so cossa che sia un'opera, una comedia.

SIMON Mi i m'ha menà una sera per forza all'opera, e ho sempre dormìo.

LUNARDO Mio pare, co giera zovene, el me diseva: Vustu véder el Mondo niovo49 ? o vusto, che te daga do soldi? Mi me taccava ai do soldi.

SIMON E mi? sunava le boneman50, e qualche soldeto, che ghe bruscava51, e ho fato cento ducati, e i ho investii al quatro per cento, e gh'ho quattro ducati de più d'intrada; e co i scuodo52 gh'ho un gusto cusì grando, che no ve posso fenir de dir. No miga per l'avarizia dei quatro ducati, ma gh'ho gusto de poder dir: tolè; questi me li ho vadagnai da putelo.

LUNARDO Trovèghene uno ancuo, che fazza cusì. I li buta via, vegnimo a dir el merito, a palae53

SIMON E pazenzia i bezzi, che i buta via. che i se precipita in cento maniere.

LUNARDO E tuto causa la libertà.

SIMON Sior sì, co i se sa meter le braghesse54 da so posta, subito i scomenza a praticar.

LUNARDO E saveu chi ghe insegna? So mare.

SIMON No me disé altro: ho sentìo cosse, che me fa drezzar i cavei.

LUNARDO Sior sì; cusì le dise: Povero putelo! che el se deverta, povereto! voleu, che el mora da malinconia? Co vien zente, le lo chiama: Vien qua, fio mio; la varda, siora Lugrezia, ste care raìse55, no fàlo vogia?56 Se la savesse co spiritoso, che el ! Cànteghe quella canzoneta: dighe quela bela scena de Trufaldin. No digo per dir, ma el sa far de tuto; el bala, el zoga a le carte, el fa dei soneti; el gh'ha la morosa, sàla? El dise, che el se vol maridar. El un poco insolente, ma pazenzia, el ancora putelo, el farà giudizio. Caro colù; vien qua vita mia; dàghe un baso a siora Lugrezia... Via; sporchezzi; vergogna; donne senza giudizio.

SIMON Cossa che pagherave, che ghe fusse qua a sentirve sete o oto de quele donne, che cognosso mi.

LUNARDO Cospeto de diana! le me sgrafarave i occhi.

SIMON Ho paura de sì; e cussì, diséme: aveu serà el contrato co sior Maurizio?

LUNARDO Vegnì in mezà57 da mi, che ve conterò tuto.

SIMON Mia muggier sarà de co la vostra.

LUNARDO No voleu?

SIMON No ghe sarà nissun m'imagino.

LUNARDO In casa mia? no vien nissun senza che mi lo sappia.

SIMON Se savessi! da mi stamatina... basta, no digo altro.

LUNARDO Contème... cossa stà?

SIMON Andémo, andémo; ve conterò. Donne, donne, e po donne.

LUNARDO Chi dise donna, vegnimo a dir el merito, dise danno.

SIMON Bravo da galantomo. (ridendo ed abbracciando Lunardo)

LUNARDO E pur, se ho da dir la verità, no le m'ha despiasso.

SIMON Gnanca a mi veramente.

LUNARDO Ma in casa.

SIMON E soli.

LUNARDO E co le porte serae.

SIMON E co i balboni inchiodai.

LUNARDO E tegnirle basse.

SIMON E farle far a nostro modo.

LUNARDO E chi omeni, ha da far cusì. (parte)

SIMON E chi no fa cusì no omeni. (parte)

 





p. -
48 Dieci



49 Quelle macchinette che si mostrano in Piazza ai curiosi per poco prezzo.



50 Raccoglieva le mance.



51 Ch'io gli cavava di mano.



52 E quando li riscuoto.



53 Li gettano con la pala.



54 I calzoni.



55 Espressione tenera, amorosa, lo stesso che «viscere».



56 Non muove a baciarlo, a vezzeggiarlo? Ecc.



57 Mezzà in Venezia dicesi a quella stanza, in cui si fanno le maggiori faccende: mezzà è lo studio degli avvocati, sei ministri, dei legali, dei mercadanti; dicesi anche mezzà ad una o più stanze, che sono ad un primo piano al di sotto del piano nobile, ed alcuni ve ne sono anche a terreno.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License