Carlo Goldoni
I rusteghi

ATTO SECONDO

Scena Sesta. Margarita e Marina

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Sesta. Margarita e Marina

 

Altra camera

 

MARINA Fème a mi sto servizio. Chiamè Lucieta, e disémoghe qualcossa de sto so novizzo. Consolémola, e sentimo cossa, che la sa dir.

MARGARITA Credème, siora Marina, che no la lo merita.

MARINA Mo perché?

MARGARITA Perché la una frascona. Procuro per tuti i versi de contentarla, e la con mi, figurarse, ingrata, altiera, e sofistica al mazor segno.

MARINA Cara fia, bisogna compatir la zoventù.

MARGARITA Cossa credeu? che la sia una putela?

MARINA Quanti anni gh'averàla?

MARGARITA Mo la gh'averà i so disdot'ani fenii lu.

MARINA Eh via!58

MARGARITA Sì! da quella che son.

MARINA E mio nevodo ghe n'ha vinti deboto.

MARGARITA Per età i va pulito.

MARINA Disé mo anca, che el un bon puto.

MARGARITA Se ho da dir la verità, gnanca Lucieta no cativa; ma cusì; la va a lune. De le volte la me strucola de carezze,59 e de le volte la me fa inrabiar.

MARINA I i so anni, fia mia. Credèmelo, che me recordo giusto come se fusse adesso: anca mi fava cusì con mia siora madre.

MARGARITA Ma ghdiferenza, vedeu? Una mare pol soportar, ma a mi no la me gnente.

MARINA La de vostro mario.

MARGARITA Giusto élo me fa passar la vogia de torme qualche pensier; perché se la contento, el cria; se no la contento, el brontola. In verità no so più quala far.

MARINA de tuto, che la se destriga.

MARGARITA Magari doman.

MARINA No xèli in contrato?

MARGARITA No ghmiga fondamento in sti omeni: i se pente da un momento a l'altro.

MARINA E pur mi ghe scometeria qualcossa, che ancuo se stabilisse ste nozze.

MARGARITA Ancuo? per cossa?

MARINA So che sior Lunardo ha invidà a disnar anca mio cugnà Maurizio. No i soliti a far sti invidi; vederè quel che digo mi.

MARGARITA Pol esser; ma me par impussibile, che no i diga gnente a la puta.

MARINA No saveu, che zente, che i ? I è capaci de dirghe dal dito al fato. Tocchéve la man, e bondì sioria.

MARGARITA E se la puta disesse de no?

MARINA Per questo megio che l'avisemo.

MARGARITA Voleu, che la vaga a chiamar?

MARINA Se ve par che sia ben, chiamémola.

MARGARITA Cara fia, me reporto a vu.

MARINA Eh cara siora Margarita; in materia de prudenza no ghe una par vostro.

MARGARITA Vago, e vegno. (parte)

MARINA Povera puta! lassarghe vegnir l'acqua adosso cusì! sta so maregna no la gh'ha un fià60 de giudizio.

 





p. -
58 Espressione di meraviglia.



59 Mi carica di carezze.



60 Niente.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License