Carlo Goldoni
I rusteghi

ATTO SECONDO

Scena Settima. Margarita, Lucietta e Marina

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Settima. Margarita, Lucietta e Marina

 

MARGARITA Vegnì qua, fia, che siora Marina ve vol parlar.

LUCIETTA La compatissa, sàla, se no son vegnua avanti, perché, se la savesse, ho sempre paura de falar. In sta casa i cata da dir sun tuto.

MARINA vero; vostro sior padre un poco tropo sutilo; ma consolève, che gh'avè una maregna, che ve vol ben.

LUCIETTA Siora sì. (le fa cenno col gomito, che non è vero)

MARINA (Figurarse. Se gh'avesse una fiastra, anca mi farave l'istesso).

MARGARITA (Ghe voggio ben, ma no vedo l'ora, che la me vaga fora dai occhi).

LUCIETTA E cusì, siora Marina, cossa gh'àla da dirme?

MARINA Siora Margarita.

MARGARITA Fia mia.

MARINA Diséghe vu qualcossa.

MARGARITA Mi ve lasso parlar a vu.

LUCIETTA Povereta mi! de ben, o de mal?

MARINA Oh de ben, de ben.

LUCIETTA Mo via donca, che no la me fazza più sgangolir61

MARINA Me consolo con vu, Lucieta.

LUCIETTA De cossa?

MARINA Che ghe lo diga? (a Margarita)

MARGARITA Via, tanto fa,62 diséghelo. (a Marina)

MARINA Me consolo, che sé novizza. (a Lucietta)

LUCIETTA Oh giusto! (mortificandosi)

MARINA Vardè! no lo credè?

LUCIETTA Mi no, la veda. (come sopra)

MARINA Domandèghelo. (accennando Margarita)

LUCIETTA Xèla la verità, siora madre?

MARGARITA Per quel che i dise.

LUCIETTA Oh! no ghe gnente de seguro?63

MARINA Mi credo, che sia sicurissimo.

LUCIETTA Oh, la burla, siora Marina.

MARINA Burlo? so anca chi el vostro novizzo.

LUCIETTA Dasseno? Chi xèlo?

MARINA No savè gnente vu?

LUCIETTA Mi no la veda. El me par un insonio.64

MARINA Lo spiegheressi volentiera sto insonio?65

LUCIETTA No vorla?66

MARGARITA Pol esser, che ve tocca la grazia.

LUCIETTA Magari. Xèlo zovene? (a Marina)

MARINA Figurève, in circa della vostra età.

LUCIETTA Xèlo belo?

MARINA Più tosto.

LUCIETTA (Siestu benedetto!)

MARGARITA La s'ha mo messo, figurarse, in t'un boccon de gringola.67

LUCIETTA Mo via no la me mortifica. Par, che ghe despiasa. (a Margarita)

MARGARITA Oh v'ingané. Per mi piutosto stassera, che doman.

LUCIETTA Eh lo so el perché.

MARGARITA Disé mo.

LUCIETTA Lo so, lo so, che no la me pol più véder.

MARGARITA Sentìu, che bella maniera de parlar? (a )

MARINA Via, via, care creature, butè a monte.68

LUCIETTA La diga: cossa gh'àlo nome? (a Marina)

MARINA Filipetto.

LUCIETTA Oh che bel nome! xèlo civil?

MARINA El mio nevodo.

LUCIETTA Oh sior'àmia!69 gh'ho tanto a caro, sior'àmia, sia benedeto, sior'àmia. (con allegria bacia Marina)

MARGARITA Vardè, che stomeghezzi.70

LUCIETTA Cara siora, la tasa, che l'averà fato pezo de mi.

MARGARITA Certo, per quela bela zoggia, che m'ha toccà.71

MARINA Dixè, fia mia. L'aveu mai visto? (a Lucietta)

LUCIETTA Oh povereta mi! quando? dove? Se qua no ghe vien mai un can, se no vago mai in nissun liogo.

MARINA Se lo vederè el ve piaserà.

LUCIETTA Dasseno? Quando lo vederoggio?

MARINA Mi no so; siora Margarita saverà qualcossa.

LUCIETTA Siora madre, quando lo vederoggio?

MARGARITA Sì, sì: «siora madre, quando lo vederoggio»! Co ghe preme, la se raccomanda. E po gnente gnente, la ranzigna la schizza72

LUCIETTA La sa, che ghe vòi tanto ben.

MARGARITA Va' , va' mozzina.

MARINA (Caspita! la gh'ha de la malizia tanta, che fa paura).

LUCIETTA La diga, siora Marina. Xèlo fio de sior Maurizio?

MARINA Sì, fia mia, e el fio solo.

LUCIETTA Gh'ho tanto da caro. La diga: saràlo rustego co fa so sior padre?

MARINA Oh che el tanto bon!

LUCIETTA Mo quando lo vederoggio?

MARINA Per dir la verità, gh'averave gusto, che ve vedessi, perché se pol anca dar, che élo no ve piasa a vu, o che vu no ghe piasé a élo?

LUCIETTA Pussibile, che no ghe piasa?

MARGARITA Cossa credeu de esser, figurarse, la dea Venere?

LUCIETTA No credo de esser la dea Venere, ma no credo mo gnanca de esser l'orco.

MARGARITA (Eh, la gh'ha i so catari).

MARINA Sentì, siora Margarita, bisogna, che ve confida una cossa.

LUCIETTA Mi possio sentir?

MARINA Sì, sentì anca vo. Parlando de sto negozio co siora Felice, la s'ha fato de maraveggia, che avanti de serar el contrato sti puti no s'abbia da véder. La s'ha tolto éla l'impegno de farlo. Ancuo, come savè, la vien qua a disnar, e sentiremo cossa, che la dirà.

LUCIETTA Pulito, pulito dasseno.

MARGARITA Se fa presto a dir «pulito pulito»! e se mio mario se n'incorze? Chi tol de mezzo, figurarse, altri che mi?

LUCIETTA Oh, per cossa vorla, che el se n'incorza?

MARGARITA Àlo da vegnir in casa per el luminal73 ?

LUCIETTA Mi no so gnente. Cossa dìsela, siora Marina?

MARINA Sentì, ve parlo schieto. Mi no ghe posso dar torto gnanca a siora Margarita. Sentiremo quel, che dixe siora Felice. Se ghpericolo, gnanca mi no me ne voggio intrigar.

LUCIETTA Vardè; le me mette in saor74, e po, tolè suso.

MARGARITA Zito, me par de sentir...

MARINA Vien zente.

LUCIETTA Uh, se sior padre, vago via.

MARINA Cossa gh'aveu paura? Omeni no ghe ne .

MARGARITA Oh, saveu chi ?

MARINA Chi?

MARGARITA Siora Felice in maschera. In t'un'aria malignazonazza.75

LUCIETTA Xèla sola?

MARGARITA Sola. Chi voressi, che ghe fusse, patrona? (a Lucietta)

LUCIETTA Via, siora madre, che la sia bona, che ghe vòi tanto ben. (allegra)

MARINA Sentiremo qualcossa.

LUCIETTA Sentiremo qualcossa. (allegra)

 





p. -
61 Penare.



62 È tutt'uno.



63 Non vi è niente di certo.



64 Mi pare un sogno.



65 Spiegare il sogno, s'intende verificarlo.



66 C'è dubbio?



67 Allegrezza con desiderio.



68 Non parlate altro.



69 Si repplica, che àmia vuol dire zia



70 Che sguaiataggini.



71 Intende ironicamente del suo cattivo marito.



72 Aggrinza il naso.



73 Finestra a tetto per dar lume al soffitto.



74 Mi mettono in sapore, cioè in lusinga.



75 Grandissima.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License