Carlo Goldoni
I rusteghi

ATTO SECONDO

Scena Decima. Margarita e dette

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Decima. Margarita e dette

 

MARGARITA A vu, siora Felice.

FELICE A mi? cossa?

MARGARITA Maschere, che ve domanda.

LUCIETTA Mascare, che la domanda! (allegra a Felice)

MARINA Saràlo l'amigo? (a Felice)

FELICE Pol darse. (a Marina) Fèlo vegnir avanti. (a Margarita)

MARGARITA E se vien mio mario?

FELICE Se vien vostro mario, no ghe saverò dar da intender qualche panchiana? No ghe posso dir, che la mia sorela maridada a Milan? Giusto l'aspetava in sti zorni, e la pol capitar de momento in momento.

MARGARITA E la maschera omo?

FELICE Oh bela! no ghe posso dir, che el mio cugnà90?

MARGARITA E vostro mario cossa diralo?

FELICE Mio mario, co voggio, che el diga de sì, basta, che lo varda; con un'occhiada el me intende.

LUCIETTA Siora madre, ghe n'àla più?

MARGARITA Cossa?

LUCIETTA Delle dificoltà?

MARGARITA Me faressi dir, deboto... orsù tanto fa, che le staga de quele maschere come, che le vegna de qua. A l'ultima de le ultime, gh'averè da pensar vu più de mi. (a Lucietta) Siore maschere, le favorissa, le vegna avanti. (alla scena)

LUCIETTA (Oh come, che me bate el cuor!)

 





p. -
90 Cognato.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License