Carlo Goldoni
I rusteghi

ATTO SECONDO

Scena Undicesima. Filippetto in maschera da donna, il conte Riccardo e dette

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Undicesima. Filippetto in maschera da donna, il conte Riccardo e dette

 

RICCARDO Servitor umilissimo di lor signore.

FELICE Patrone, siore maschere.

MARGARITA Serva. (sostenuta)

MARINA Siora maschera donna, la reverisso. (a Filippetto)

FILIPPETTO (fa la riverenza da donna)

LUCIETTA (Vardè che bon sesto!).91

FELICE Maschere, andeu a spasseti?

RICCARDO Il carnovale desta l'animo ai divertimenti. (a Marina)

MARINA Siora Lucieta, cossa diseu de ste maschere?

LUCIETTA Cossa vorla, che diga? (mostrando di vergognarsi)

FILIPPETTO (Oh cara! oh che pometo da riosa!)92

MARGARITA Siore maschere, le perdona la mala creanza; àle disnà ele?

RICCARDO Io no.

MARGARITA In verità, voressimo andar a disnar.

RICCARDO Vi leveremo l'incomodo.

FILIPPETTO (De diana! no l'ho malistente93 vardada!)

RICCARDO Andiamo, signora maschera. (a Filippetto)

FILIPPETTO (Sia malignazo!)

MARINA Eh aspetè un pochetin. (a Riccardo e Filippetto)

MARGARITA (Me lo sento in te le recchie quel satiro de mio mario).

FELICE Maschera, sentì una parola. (a Filippetto)

FILIPPETTO (si accosta a Felice)

FELICE Ve piàsela? (piano a Filippetto)

FILIPPETTO Siora sì. (piano a Felice)

FELICE Xèla bela? (come sopra)

FILIPPETTO De diana! (come sopra)

LUCIETTA (Siora madre).

MARGARITA (Cossa gh'è?)

LUCIETTA (Almanco, che lo podesse véder un pochetin).

MARGARITA (Adessadesso, ve chiapo per un brazzo, e ve meno via).

LUCIETTA (Pazzenzia).

MARINA Maschera. (a Filippetto)

FILIPPETTO (s'accosta a Marina)

MARINA Ve piàsela?

FILIPPETTO Assae.

MARINA Toleu tabacco, maschera?

FILIPPETTO Siora sì.

MARINA Se comandè, servìve.

FILIPPETTO (prende il tabacco colle dita, e vuol pigliarlo colla maschera al volto)

FELICE Co se tol tabacco, se se cava el volto. (gli leva la maschera)

LUCIETTA (Oh co belo!) (guardandolo furtivamente)

MARINA Mo che bela puta! (verso Filippetto)

FELICE La mia sorela.

LUCIETTA (I me fa da rider).(ridendo)

FILIPPETTO (Oh co la ride pulito!)

FELICE Vegnì qua, tirève la bauta soto la gola. (gli cala la bauta)

LUCIETTA (El consola el cuor).

MARINA Chi più bela de ste do pute? (gi Filippetto e Lucietta)

FILIPPETTO (si vergogna, e guarda furtivamente Lucietta)

LUCIETTA (fa lo stesso)

RICCARDO (Sono obbligato alla signora Felice, che oggi mi ha fatto godere la più bella commedia di questo mondo).

MARGARITA Oh via, fenìmola, figurarse, che ora. No parlemo più in equivoco. Ringraziè ste signore, che ha sto contrabando, e racomandève al Cielo, che se sarè destinai, ve torè.94 (a Lucietta e Filippetto)

FELICE Via andè, maschere; contentève cusì per adesso.

FILIPPETTO (Mi no me so destaccar).

LUCIETTA (El me porta via el cuor).

MARGARITA Manco mal, che la andada ben.

MARINA Tirève su la bauta. (a Filippetto)

FILIPPETTO Come se fa? No gh'ho pratica.

FELICE Vegnì qua da mi. (gl accomoda la bauta)

LUCIETTA (Poverazzo! nol se sa giustar la bauta). (ridendo forte)

FILIPPETTO Me bùrlela? (a Lucietta)

LUCIETTA Mi no. (ridendo)

FILIPPETTO Furba!

LUCIETTA (Caro colù).95

MARGARITA Oh povereta mi! oh povereta mi!

FELICE Cossstà.

MARGARITA Ve' qua mio mario.

MARINA Sì per diana: anca el mio.

FELICE No xèla mia sorela?

MARGARITA Eh cara ela, se el me trova in busia, povereta mi. Presto, presto, scondève, andè in quela camera. (a Filippetto, spingendolo) Caro sior la vaga drento. (a Riccardo)

RICCARDO Che imbroglio è questo?

FELICE La vaga, la vaga, sior Ricardo. La ne fazza sta grazia.

RICCARDO Farò anche questo per compiacervi. (entra in una camera)

FILIPPETTO (Spionerò intanto). (entra in una camera)

LUCIETTA (Me trema le gambe, che no posso più).

MARGARITA Ve l'òggio dito? (a Felice e Marina)

MARINA Via via, no gnente. (a Margarita)

FELICE Co anderemo a disnar i se la baterà.96

MARGARITA Son stada tropo minchiona.

 

 





p. -
91 Che bel garbo!



92 Mela rosa.



93 Appena.



94 Se sarete destinati, vi sposarete.



95 Colui.



96 Se ne andranno



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License