Carlo Goldoni
I rusteghi

ATTO SECONDO

Scena Dodicesima. Lunardo, Simon, Canciano e dette

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Dodicesima. Lunardo, Simon, Canciano e dette

 

LUNARDO Oh patrone, xèle stuffe d'aspetar? Adessadesso anderemo a disnar. Aspetemo sior Maurizio, e subito che el vien, andemo a disnar.

MARGARITA No ghe gièrelo sior Maurizio?

LUNARDO El ghe giera. El andà in t'un servizio, e el tornerà adessadesso. Cossa gh'àstu ti, che ti me par sbattueta?97 (a Lucietta)

LUCIETTA Gnente. Vorlo che vaga via?

LUNARDO No no, sta qua, fia mia, che anca per ti vegnù la to zornada: n'è vero, sior Simon?

SIMON Poverazza! gh'ho a caro.

LUNARDO Ah! cossa diseu? (a Cancian)

CANCIANO Sì, in verità, la lo merita.

LUCIETTA (No me vol andar via sto tremazzo)98.

FELICE Gh'è qualche novità, sior Lunardo?

LUNARDO Siora sì.

MARINA Via, che sapiemo anca nu.

MARGARITA Za mi sarò l'ultima a saverlo. (a Lunardo)

LUNARDO Sentì, fia, ancuo disé quel che volè, che no gh'ho voggia de criar. Son contento, e voggio che se godemo. Lucieta vien qua.

LUCIETTA (si accosta tremando)

LUNARDO Cossa gh'àstu?

LUCIETTA No so gnanca mi. (tremando)

LUNARDO Gh'àstu la freve?99 Ascolta, che la te passerà. In presenza de mia muggier, che te fa da mare; in presenza de sti do galantomeni, e delle so parone, te dago la niova, che ti novizza.

LUCIETTA (trema, piange e quasi casca)

LUNARDO Olà, olà, cossa fastu? Te despiase, che t'abbia fato novizza?

LUCIETTA Sior no.

LUNARDO Sastu chi el to novizzo?

LUCIETTA Sior sì.

LUNARDO Ti lo sa? come lo sastu? chi te l'ha dito? (sdegnato)

LUCIETTA Sior no, no so gnente. La compatissa, che no so gnanca cossa che diga.

LUNARDO Ah! povera inocente! così la arlevada, vedeu? (a Simon e Cancian)

FELICE (Se el savesse tuto). (piano a Margarita)

MARGARITA (M'inspirito100 che el lo sapia). (a Felice)

MARINA (No ghpericolo). (a Margarita)

LUNARDO Orsù sapiè che el so novizzo el fio de sior Maurizio, nevodo de siora Marina.

MARINA Dasseno? mio nevodo?

FELICE Oh cossa che ne contè!

MARINA Mo gh'ho ben a caro, dasseno.

FELICE De meggio no podevi trovar.

MARINA Quando se faràle ste nozze?

LUNARDO Ancuo.

MARGARITA Ancuo?

LUNARDO Sior sì, ancuo, adessadesso. Sior Maurizio andà a casa; el andà a levar101 so fio, el lo mena qua, disnemo insieme, e po subito i se la man.102

MARGARITA (Oh povereta mi!)

FELICE Cusì a la presta?

LUNARDO Mi no voggio brui longhi.103

LUCIETTA (Adesso me trema anca le buele)104.

LUNARDO Cossa gh'àstu? (a Lucietta)

LUCIETTA Gnente.

 

 





p. -
97 Di malavoglia.



98 Tremore.



99 Febbre.



100 Tremo, ho paura.



101 A prendere.



102 Si sposano.



103 Brodi lunghi.



104 Le budella.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License