Carlo Goldoni
I rusteghi

ATTO TERZO

Scena Seconda. Felice e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Seconda. Felice e detti

 

FELICE Patroni reveriti, grazie del so bon amor.

CANCIANO Cossa feu qua?

LUNARDO Cossa vorla in casa mia?

SIMON Xèla qua, per far che nassa qualche altra bela scena?

FELICE I se stupisse perché son qua? Voléveli che fusse andada via? Credévelo sior Cancian, che fusse andada col forestier?

CANCIANO Se anderè più con colù, ve farò véder chi son.

FELICE Diséme, caro vecchio, ghe songio mai andada senza de vu?

CANCIANO La sarave bela!

FELICE Senza de vu, l'òggio19 mai recevesto in casa?

CANCIANO Ghe mancarave anca questa!

FELICE E perché donca credevi, che fusse andada con élo?

CANCIANO Perché sé una mata.

FELICE (El fa el bravo, perché el in compagnia).

SIMON (Oe la gh'ha filo).20 (piano a Lunardo)

LUNARDO (El fa ben a mostrarghe el muso). (piano a Simon)

CANCIANO Andémo, siora, vegnì a casa con mi.

FELICE Abiè un pocheto de flema.

CANCIANO Me maraveggio, che gh'abiè tanto muso de vegnir qua.

FELICE Per cossa? cossa òggio fato?

CANCIANO No me parlar.

FELICE Parlè.

CANCIANO Andémo via.

FELICE Sior no.

CANCIANO Andémo, che cospeto de diana... (minacciandola)

FELICE Cospeto, cospeto... so cospetizar anca mi. Coss'è, sior? M'aveu trovà in t'un gatolo?21 Songio la vostra masséra? Cusì se parla con una donna civil? Son vostra muggier; me podè comandar, ma no me vòi22 lassar strapazzar. Mi no ve perdo el respetto a vu, e vu no me l'avè da perder a mi. E dopo che sé mio mario, no m'avè mai più parlà in sta maniera. Coss'è sto manazzar? coss'è sto cospeto? cossa sto alzar le man? A mi manazzar? a una donna della mia sorte? Disé, sior Cancian, v'àli messo su sti patroni? v'àli conseggià, che me tratè in sta maniera? Ste asenarie l'aveu imparade da lori? Se sé un galantomo, tratè da quelo, che sé, se ho falà, corezème

;23 ma no se strapazza, e no se manazza, e no se dise cospetto, e no se tratta cusì. M'aveu capìo, sior Cancian? Abiè giudizio vu, se volè, che ghe n'abbia anca mi.

CANCIANO (resta ammutolito)

SIMON (Aveu sentìo che ràcola?)24 (a Lunardo)

LUNARDO (Adessadesso me voggia, de chiaparla mi per el colo. E quel martuffo25 sta zito). (a Simon)

SIMON (Cossa voleu, che el fazza? Voleu che el precipita?)

FELICE Via, sior Cancian, no la dise gnente?

CANCIANO Chi ha più giudizio el dopera.26

FELICE Sentenza de Ciceron! Cossa dìsele ele, patroni?

LUNARDO Cara siora, no me parlar.

FELICE Perché? son vegnua a posta, acciò, che parlè; so che ve lamentè de mi, e gh'ho gusto de sentir le vostre lamentazion. Sfoghève con mi, sior Lunardo, ma no stè a meter su mio mario. Perché se me dirè le vostre rason, son donna giusta, e se gh'ho torto sarò pronta a darve sodisfazion; ma arecordève ben, che el meter disunion tra mario e muggier el un de quei mali che no se giusta cusì facilmente, e quel che no voressi che i altri fasse con vu, gnanca vu coi altri no l'avè da far, e parlo anca co sior Simon, che con tuta la so prudenza el sa far la parte da diavolo co27 bisogna. Parlo con tutti do28, e ve parlo schieto, perché me capì. Son una donna d'onor, e se gh'avè qualcossa, parlè.

LUNARDO Diséme, cara siora, chi è stà, che ha fato vegnir quel puto in casa mia?

FELICE Son stada mi. Mi son stada, che l'ha fato vegnir.

LUNARDO Brava, siora!

SIMON Pulito!

CANCIANO Lodève, che avè fato una bel'azion!

FELICE Mi no me lodo; so che giera meggio che no l'avesse fato; ma no la una cativa azion.

LUNARDO Chi v'ha licenza, che lo vegnir?

FELICE Vostra muggier.

LUNARDO Mia muggier? v'àla parlà? v'àla pregà? xèla vegnua éla a dirvelo, che lo mené?29

FELICE Sior no; me l'ha dito siora Marina.

SIMON Mia muggier?

FELICE Vostra muggier.

SIMON Ala pregà éla el forestier, che tegnisse terzo30 a quela pura?

FELICE Sior no, el forestier l'ho pregà mi.

CANCIANO Vu l'avè pregà? (con isdegno)

FELICE Sior sì, mi. (a Canciano, con isdegno)

CANCIANO (Oh che bestia! no se pol parlar!)

LUNARDO Mo perché far sta cossa? mo perché menarlo? mo perché siora Marina se n'àla intrigà? mo perché mia muggier s'àla contentà?

FELICE Mo perché questo, mo perché st'altro! Ascoltème; sentì l'istoria come che la . Lasséme dir; no me interrompè. Se gh'ho torto, me darè torto; e se gh'ho rason, me darè rason. Prima de tuto, lassé, patroni, che ve diga una cossa. No andè in colera, e no ve n'abiè per mal. Sé tropo rusteghi; sé tropo salvadeghi. La maniera che tegnì co le donne, co le muggier, co la fia, la cusì stravagante fora de l'ordinario, che mai in eterno le ve poderà voler ben; le ve obedisse per forza, le se mortifica con rason, e le ve considera, no marii, no padri, ma tartari, orsi e aguzini. Vegnimo al fato. (No «vegnimo a dir el merito», vegnimo al fato). Sior Lunardo vol maridar la so pura, nol ghe lo dise, nol vol che la lo sapia; no la lo ha fa véder; piasa, o no piasa, la lo ha da tòr. Accordo anca mi, che le pute no sta ben, che le fazza l'amor, che el mario ghe l'ha da trovar so sior padre, e che le ha da obedir, ma no mo gnanca giusto de meter alle fie un lazzo al colo, e dirghe: ti l'ha da tiòr. Gh'avè una fia sola, e gh'avè cuor de sacrificarla? (a Lunardo) Mo el puto un puto de sesto, el bon, el zovene, nol bruto, el ghe piaserà. Seu seguro, «vegnimo a dir el merito», che el gh'abia da piàser? E se nol ghe piasesse? Una puta arlevada a la casalina con un mario fio d'un pare selvadego, sul vostro andar,31 che vita doveràvela far? Sior sì, avemo fato ben a far che i se veda. Vostra muggier lo desiderava, ma no la gh'aveva coraggio. Siora Marina a mi s'ha racomandà. Mi ho trovà l'invenzion de la maschera, mi ho pregà el forestier. I s'ha visto, i s'ha piasso,32 i contenti. Vu doveressi esser più quieto, più consolà. compatibile vostra muggier, merita lode siora Marina. Mi ho operà per bon cuor. Se sé omeni, persuadève, se sé tangheri, sodisfève. La puta onesta, el puto no ha falà; nualtre semo donne d'onor. Ho fenito la renga; laudè el matrimonio, e compatì l'avocato.33

(Lunardo, Simon e Cancian si guardano l'un l'altro, senza parlare)

FELICE (I ho messi in sacco, ma con rason).

LUNARDO Cossa diseu, sior Simon?

SIMON Mi, se stasse a mi, lauderave.34

CANCIANO Gnanca mi no ghe vago in tel verde.35

LUNARDO E pur ho paura, che bisognerà che taggiemo.36

FELICE Per cossa?

LUNARDO Perché el padre del puto, vegnimo a dir el merito...

FELICE «Vegnimo a dir el merito», al padre del puto andà a parlarghe sior Conte, el in impegno, che se fazza sto matrimonio, perché el dise, che inocentemente el stà causa élo de sti sussuri, e el se chiama affrontà, e el vol sta sodisfazion; el un omo de garbo; el un omo che parla ben, e son segura, che sior Maurizio no saverà dir de no.

LUNARDO Cossa avémio da far?

SIMON Caro amigo, de tante, che ghe ne avemo pensà, no ghe la meggio de questa. Tòr le cosse come che le vien.

LUNARDO E l'affronto?

FELICE Che affronto? co el mario37 fenìo l'affronto.

CANCIANO Sentì, sior Lunardo; siora Felice gh'ha anca éla le so debolezze, ma per dir la verità, qualche volta la una donna de garbo.

FELICE N'è vero sior Cancian?

LUNARDO Mo via, cossa avémio da far?

SIMON Prima de tuto, mi dirave de andar a disnar.

CANCIANO Per dirla, pareva, che el disnar s'avesse desmentegà.38

FELICE Eh chi l'ha ordenà no alocco.39 El l'ha sospeso, ma nol andà in fumo. cusì, sior Lunardo, se volè, che magnemo in pase: mandè a chiamar vostra muggier, vostra fia, diséghe qualche cossa, brontolè al solito un pochetin, ma po fenìmola; aspetemo che vegna sior Riccardo, e se vien el puto, fenìmola.

LUNARDO Se vien qua mia muggier, e mia fia, ho paura de no poderme tegnir.

FELICE Via, sfoghève, gh'avè rason. Seu contento cussì?

CANCIANO Chiamémole.

SIMON Anca mia muggier.

FELICE Mi, mi: aspettè mi. (parte correndo)

 





p. -
19 L'ho



20 Ha timore.



21 Quasi tutte le strade di Venezia hanno de' piccioli canaletti lateralmente, dove si uniscono le immondizie, e per dove scorre e si perde l'acqua piovana, e si chiamano gattoli.



22 Non mi voglio.



23 Correggetemi



24 Che bagatella?



25 Sciocco.



26 Lo adoperi.



27 Quando



28 Due



29 Che lo conduciate.



30 Che tenesse mano.



31 Fatto alla vostra maniera.



32 Si son piaciuti



33 Ho terminato l'aringa, approvate il matrimonio, e compatite l'avvocato. Scherza sulla maniera con cui si terminavano ordinariamente le aringhe degli avvocati in Venezia.



34 Approverei.



35 L'urna verde è quella de' voti contrari



36 Temo che si dovrà revocare.



37 Marito.



38 Si fosse scordato.



39 Qui l'autore parla di se stesso, che non si scorda ciò di cui ha parlato.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License