Carlo Goldoni
I rusteghi

ATTO TERZO

Scena Quarta. Felice, Marina, Margarita, Lucietta e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Quarta. Felice, Marina, Margarita, Lucietta e detti

 

FELICE Vèle qua, velè qua. Pentie, contrite, e le ve domanda perdon. (a Lunardo)

LUNARDO Se me fa anca de queste? (a Margarita)

FELICE No la ghe n'ha colpa, son causa mi. (a Lunardo)

LUNARDO Cossa meriteressistu, frasconcela! (a Lucietta)

FELICE Parlè con mi, ve responderò mi. (a Lunardo)

LUNARDO I omeni in casa? i morosi sconti? (a Margarita e Lucietta)

FELICE Criè co mi, che son causa mi. (a Lunardo)

LUNARDO Andève a far squartar anca vu. (a Felice)

FELICE «Vegnimo a dir el merito...» (a Lunardo, deridendolo)

CANCIANO Come parleu co mia muggier? (a Lunardo)

LUNARDO Caro vu, compatìme. Son fora de mi.(a Cancian)

MARGARITA (mortificata)

LUCIETTA (piange)

MARGARITA Siora Felice. Cossa n'aveu dito? Cusì pulito la giustada?

SIMON Anca vu siora meriteressi la vostra parte. (a Marina)

MARINA Mi chiapo 41 su, e vago via.

FELICE No, no, fermève. Al povero sior Lunardo ghe giera restà in corpo un poco de còlera: l'ha volesto butarla fora42. Da resto el ve scusa, el ve perdona; e se vien el puto, el se contenterà, che i se sposa; n'è vero, sior Lunardo?

LUNARDO Siora sì, siora sì. (ruvido)

MARGARITA Caro mario, se savessi quanta passion, che ho provà! Credèmelo no saveva gnente. Co vegnù quele maschere, no voleva lassarle vegnir. stà... stà...

FELICE Via son stada mi, cossa ocore?

MARINA (Diséghe anca vu qualcossa). (piano a Lucietta)

LUCIETTA Caro sior padre, ghe domando perdonanza. Mi no ghe n'ho colpa...

FELICE Son stada mi, ve digo, son stada mi.

MARINA Per dir la verità, gh'ho anca mi la mia parte de merito.

SIMON Eh savemo, che sé una signora de spirito. (a Marina, con ironia)

MARINA Più de vu, certo.

FELICE Chi ? (osservando fra le scene)

MARGARITA Oe, i lori.43 (a Felice)

LUCIETTA (El mio novizzo). (allegra)

LUNARDO Coss'è? chi ? chi vien? Omeni? Andè via de qua. (alle donne)

FELICE Vardè! cossa femio? Aveu paura, che i omeni ne magna? No semio in quarto? no ghe seu vu? Lassé, che i vegna.

LUNARDO Comandeu vu, patrona?

FELICE Comando mi.

LUNARDO Quel forestier no lo voggio. Se el vegnirà élo, anderò mi.

FELICE Mo perché nol voleu? El un signor onorato.

LUNARDO Che el sia quel, che el vol, no lo voggio. Mia muggier, e mia fia no le use a véder nissun.

FELICE Eh per sta volta le gh'averà pazenzia, n'è vero fie?

MARGARITA Oh mi sì.

LUCIETTA Oh anca mi.

LUNARDO Mi sì, anca mi. (burlandole) Ve digo, che no lo voggio. (a Felice)

FELICE (Mo che orso, mo che satiro!) Aspettè aspettè che lo farò star in drio.44 (si accosta alla scena)

LUCIETTA (Eh no m'importa. Me basta uno che vegna).

 





p. -
41 Chiapo vuol dire prendo: qui s'intende risolvo sul momento, e vado via.



42 Gettarla fuori.



43 Ehi, son dessi.



44 Indietro.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License