Carlo Goldoni
La ritornata di Londra

ATTO PRIMO

SCENA NONA   Madama Petronilla, poi Carpofero

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA NONA

 

Madama Petronilla, poi Carpofero

 

MAD.

Londra mia, dove sei tu?

In Italia oibò, oibò,

Non mi posso veder più.

Dove son quegl'inglesini?

Dove son quei parigini

Che la mano mi baciavano,

Che veniano e regalavano,

E facean chi può far più?

Londra mia, dove sei tu?

 

CARP.

Cara signora Londra,

Ora siamo in Italia. Avrò finito

Di soffrire da voi sì gran martello.

MAD.

Eh, lasciatemi star, caro fratello.

CARP.

E questa fratellanza

Quando avrà da finir?

MAD.

Finirà allora

Che mi avrete a sposar, ma non ancora.

CARP.

Ci possiamo sposar quando volete.

MAD.

Geloso ancora siete.

Allor vi sposerò

Che in voi la gelosia più non vedrò.

CARP.

Ma come si può fare?

Come si puol amare,

Senza aver gelosia?

MAD.

Questa malinconia

Se voi non discacciate,

D'essere sposo mio, no, non sperate.

CARP.

Ho sofferto due anni in Inghilterra.

Credea d'essere in cielo, e son per terra.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License