Carlo Goldoni
La ritornata di Londra

ATTO SECONDO

SCENA SECONDA   Il Conte solo

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SECONDA

 

Il Conte solo.

 

 

Spiaccionmi in casa mia cotali scene;

Ma tollerar conviene,

Finger di non saperlo e darsi pace,

Perché il volto di lei non mi dispiace.

S'è amante, e non fratello,

Men periglio sarà per mia germana;

E poi saprò ben io

Correggerla, ammonirla e minacciarla...

Ma come un tal rigore

Usar seco potrei,

Se pazzo per amor son più di lei?

 

Nel mio sen, da quel momento

Ch'io mirai la bella in viso,

Una fiamma al cor mi sento,

Ch'è cagion del mio penar.

E in altrui mal si condanna

Quella forza che tiranna

Ci costringe a delirar. (entra in casa)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License