Carlo Goldoni
La serva amorosa

ATTO PRIMO

Scena Ottava. Florindo, poi Arlecchino

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Ottava. Florindo, poi Arlecchino

 

Florindo: Oh benedetta Corallina! Tu sei la mia unica consolazione. Il cielo a me ti ha dato per conforto alle mie disgrazie. Dove mai si è trovato una donna di miglior cuore? Ah padre barbaro! specchiati in questa donna dabbene, e vergognati che una serva abbia in verso del padrone quella pietà, che tu non hai in verso di un figlio.

Arlecchino: Oh de casa? (di dentro)

Florindo: Ecco il servo di mio padre. Che vorrà mai?

Arlecchino: Se pol vegnir? (di dentro)

Florindo: Sì, vieni.

Arlecchino: Servitor umilissimo. Corallina gh'ela ?

Florindo: Non c’è: che cosa vuoi?

Arlecchino: L'è un pezz che no la vedo. Jera vegnù a trovarla.

Florindo: Che fa mio padre?

Arlecchino: Poverin! poco fa el pianzeva.

Florindo: Piangeva? E perché?

Arlecchino: Perché so muier l'era in collera, e no la voleva farghe carezze.

Florindo: Ah vecchio rimbambito!

Arlecchino: Adess mo i è in allegria: i ride, i se coccola, i par do sposini de quindes'anni.

Florindo: Colei conosce il suo debole, e lo tiene al laccio.

Arlecchino: Era in camera, e i m’ha mandà in t'un servizio.

Florindo: Buono! dove ti hanno mandato?

Arlecchino: I m'ha mandà a cercar un beccavivo.

Florindo: Che è questo beccavivo?

Arlecchino: L'è el contrario del beccamorto.

Florindo: Io non ti capisco.

Arlecchino: El beccamorto vien a beccar quando l'omo è morto, e questo el vien a beccar quando l'omo l'è ancora vivo.

Florindo: Ma chi è costui?

Arlecchino: El nodaro.

Florindo: Come! Ti hanno mandato a cercar un notaro? Per farne che?

Arlecchino: Mi credo per beccar el patron.

Florindo: Vogliono forse fargli far testamento?

Arlecchino: Me par sta parola testamento averla sentida a dir.

Florindo: Da chi l'hai sentita dire?

Arlecchino: Dalla patrona.

Florindo: (Oh me infelice! Ella sedurrà mio padre a privarmi). (da sé) Dimmi, dimmi, che hai tu sentito?

Arlecchino: Mi veramente no so tutta l'infilzadura del discorso. Ma la patrona l'è vegnuda, che el patron pianzeva. Con quatter carezzine la l'ha fatt consolar. El dis el patron: Me fe irrabier, son vecchio, morirò presto. La padrona no l'ho ben intesa, ma ho visto che la l'ha fatto ingalluzzar. I ha parlà a pian, pareva che i contendesse, e po tutt'in una volta, allegri e contenti, i m'ha dit che vada a chiamar el beccavivo, cioè el nodar.

Florindo: (Ho inteso. L'ha colto nel punto, e gli fa far testamento. Come mai posso io rimediar al disordine?) (da sé)

Arlecchino: Corallina vegnirala prest a casa?

Florindo: L'hai ritrovato il notaro?

Arlecchino: No l'ho trovà, ma ho lassà l'ordene, che col vien, i lo manda a beccar.

Florindo: E chi è il notaro che hai tu ricercato?

Arlecchino: L'è sior Agapito dai etecetera.

Florindo: Dove mai sarà Corallina?

Arlecchino: Dov'èla Corallina? Gh'ho da dar un non so che.

Florindo: Che cosa le vuoi tu dare?

Arlecchino: Una cossa.

Florindo: Via, che cosa?

Arlecchino: Me vergogno.

Florindo: Eh, dimmela.

Arlecchino: Un salame.

Florindo: L'avrai rubato a mio padre.

Arlecchino: Tutti becca, becco anca mi.

Florindo: Ed io peno, ed io non ho il bisogno per vivere.

Arlecchino: Se la comanda (gli offre il salame)

Florindo: Sei un briccone, non si ruba.

Arlecchino: Mi, per dirla, no l'ho manc robà.

Florindo: Dunque, come l'hai avuto?

Arlecchino: Sior Lelio ghe n'ha beccà una sporta, e quest’el me l'ha , perché gh'ho fatto lume a beccar.

Florindo: Quello sciocco, quell'indegno, rovina il mio patrimonio. Ah, se sapessi dove rinvenir Corallina!

Arlecchino: Anca mi la vorria véder. Ghe voi ben, e ho ancora in te la testa de far un sproposito.

Florindo: Che sproposito?

Arlecchino: De sposarla.

Florindo: Animalaccio! goffo! ignorante! Felice te, se avessi una tal fortuna! Tu non sei degno. Corallina merita un partito migliore. Io la conosco, so quanto vale il suo spirito, il suo bel cuore, la sua bontà. Vattene, sciocco, che non sei degno d'averla. (parte)

Arlecchino: Ho inteso. El la vol per lu; ma la discorreremo. No digh miga de volerla menar via; la starà con lu: tra servitor e patron no ghe sarà gnente che dir. (parte)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License