Carlo Goldoni
La serva amorosa

ATTO PRIMO

Scena Decima. Corallina, poi Rosaura

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Decima. Corallina, poi Rosaura

 

Corallina: Questo sarebbe un buon negozio per il mio padrone, ma come posso mai figurarmelo? Nello stato in cui si trova, chi può fidarsi di prenderlo? Procuro di tenerlo in riputazione; ma il mondo parla, e le cose si sanno.

Rosaura: Chi mi vuole?

Corallina: Serva umilissima.

Rosaura: Riverisco quella giovane.

Corallina: Sono venuta a vedere, se a caso le piacesse un paio di calze; fine di filo.

Rosaura: Non mi abbisognano, ma tuttavia, se saranno di mio genio, le comprerò.

Corallina: In verità sono buone; e se tali non fossero, non gliele offrirei. (le ad osservare le calze)

Rosaura: Quanto ne volete?

Corallina: Il filo costa dieci paoli. Veda quel che può meritar la fattura: mi rimetto in lei.

Rosaura: Io non me ne intendo molto. Vi contentate che le faccia vedere?

Corallina: Anzi mi fa piacere.

Rosaura: Brighella. (chiama)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License