Carlo Goldoni
La serva amorosa

ATTO PRIMO

Scena Dodicesima. Brighella e dette

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Dodicesima. Brighella e dette

 

Brighella: Son qua colla risposta.

Rosaura: Che cosa ha detto?

Brighella: La le ha stimade vintiquattro paoli.

Rosaura: Bene: ventiquattro paoli vi darò. Siete contenta? (a Corallina)

Corallina: Contentissima.

Rosaura: Torniamo al nostro discorso. Andate, non occorr'altro. (a Brighella)

Brighella: El padron la domanda. (a Rosaura)

Rosaura: Mio padre? Non vorrei... Che cosa vuole?

Brighella: El la cerca, e ghe preme parlarghe.

Rosaura: Bisogna ch'io vada. Corallina, ci rivedremo. Tornate oggi, quando non c'è mio padre.

Corallina:signora, ritornerò.

Rosaura: Vi pagherò le calze.

Corallina: Come comanda. (freddamente)

Brighella: Signora padrona, la perdoni. La ghe le paga subito le calze.

Rosaura: Se vi preme... (a Corallina)

Corallina: Eh, non importa. (come sopra)

Brighella: La 'l dise per modestia. Ma chi sa che no la ghe n'abbia bisogno? (a Rosaura)

Corallina: Che credete? Ch'io abbia da comprarmi il pane con questi danari? Mi maraviglio di voi. In casa del mio padrone non manca niente.

Rosaura: Tenete. Li aveva nella borsa, e non ci aveva pensato. Eccovi uno zecchino e quattro paoli.

Corallina: Non ci erano queste premure; li prendo per obbedirla.

Rosaura: A rivederci. Oggi discorreremo. (Florindo mi è sempre piaciuto; e costei ha finito d'innamorarmi). (da sé, parte)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License