Carlo Goldoni
La serva amorosa

ATTO SECONDO

Scena Ottava. Arlecchino e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Ottava. Arlecchino e detti

 

Arlecchino: Signori... (forte)

Beatrice: Zitto con quella voce, che fai stordire il signor Ottavio. (Hai trovato il notaio?) (piano)

Arlecchino: (El vegnirà stassera). (piano) Siori, gh'è una novità.

Beatrice: Che c'è?

Arlecchino: Se tratta matrimonio tra la fiola de sior Pantalon...

Beatrice: E Lelio mio figlio. Lo sappiamo.

Arlecchino: Siora no. Co sior Florindo.

Beatrice: Eh via, pazzo.

Arlecchino: Me l'ha dit Brighella, e chi tratta sto matrimonio, l'è Corallina.

Beatrice: Ah indegna!

Ottavio: Non andate in collera. (a Beatrice) Ma come può essere? (ad Arlecchino)

Arlecchino: L'è cussì de siguro. Brighella me l'ha confidà.

Beatrice: (Ah, questa è una cosa che sconcerta tutti i miei disegni. Se ciò succede, Pantalone farà valere le ragioni del genero). (da sé)

Ottavio: Quietatevi, per carità. Sia maledetto quando sei qui venuto! (ad Arlecchino)

Arlecchino: Mi ho fatt per ben.

Ottavio: Va via di qua; non sarà vero.

Arlecchino: Se no l'è vero, prego el ciel che possì crepar.

Ottavio: Maledetto! (gli una bastonata)

Arlecchino: Tolì, l'era mei che me lassasse vegnir el gosso. (parte)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License