Carlo Goldoni
La serva amorosa

ATTO TERZO

Scena Dodicesima. Ottavio e Beatrice

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Dodicesima. Ottavio e Beatrice

 

Altra camera con letto chiuso dal cortinaggio, tavolino e lume.

 

OTTAVIO sul letto chiuso, che non si vede, BEATRICE apre l'uscio, ed entra.

 

Beatrice: Signor Ottavio. Signor Ottavio. Qui non c è nemmeno. Povera me! Che me l'abbiano condotto via? Parmi vedere... (s'accosta al letto da una parte) Eccolo nel letto bello e vestito. Si sarà addormentato. Voglio destarlo, ritrovar questa carta, e concludere il testamento. Signor Ottavio; ehi, signor Ottavio; signor Ottavio... (scuotendolo) Oh me infelice! Che sia morto? Signor Ottavio, signor Ottavio; pare morto senz'altro. Un accidente l'avrà colpito. Oh che colpo! Oh che caso! Oh mia disgrazia! È morto prima di far testamento.

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License