Carlo Goldoni
La serva amorosa

ATTO TERZO

Scena Tredicesima. Il Notaio e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Tredicesima. Il Notaio e detti

 

Notaio: Ebbene, signora, l'ha ritrovata questa scrittura?

Beatrice: Non la trovo... Ma, non si può far senza?

Notaio: Se non si trova, faremo senza. Si ricorda ella: precisamente la somma della sua dote?

Beatrice:signore... seimila scudi.

Notaio: Bene, metteremo seimila scudi; giacché ella ha piacere che col testamento si confermi questa sua dote, lo faremo; basta che il signor Ottavio me lo dica in voce.

Beatrice: Il signor Ottavio è nel letto.

Notaio: Che fa? Dorme?

Beatrice: Ho paura ch'egli abbia male.

Notaio: Mal grave?

Beatrice: Piuttosto; ma per far testamento saremo a tempo.

Notaio: Non gli sarebbe già venuto qualche accidente?

Beatrice: Io credo di no. Ma se ciò fosse, il testamento non si farebbe più?

Notaio: Oh bella! Si avrebbe a far parlare un morto?

Beatrice: Non sarebbe la prima volta.

Notaio: S'inganna, Signora....

Beatrice: Via, via, il signor Ottavio è vivo. Aspetti, che gli andrò a domandare, se vuole che ora vossignoria gli legga la sua minuta, e che si concluda. (s'accosta al letto)

Notaio: Benissimo. (Costei la sa lunga). (da sé)

Beatrice: Ha detto così che si sente male, e vuole spicciarsi per timor di morire. Anzi colle sue mani mi ha dati questi trenta zecchini, acciò vossignoria beva la cioccolata per amor suo.

Notaio: Non occorr'altro. Troviamo li testimoni, e faccia portar da scrivere.

Beatrice: Dove li troveremo? I miei servitori non vorrei che in ciò s'intrigassero.

Notaio: Andrò io a ritrovarli.

Beatrice: Non vorrei che fossero di quelli che vogliono parlare coll'ammalato, e disturbarlo.

Notaio: Lasci fare a me. Ho io de' testimoni a proposito. Conosco il bisogno suo e del signor Ottavio; mi lasci andare alla piazza, e torno in un momento.

Beatrice: Bravo, signor Agapito! Facciamo le cose come vanno fatte. Mi ha detto il signor Ottavio, che per voi ci sarà un piccolo legato di mille scudi.

Notaio: Si lasci servire, e sarà contenta. (parte)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License