Carlo Goldoni
La serva amorosa

ATTO TERZO

Scena Diciannovesima. Pantalone, Brighella e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Diciannovesima. Pantalone, Brighella e detti

 

Pantalone: Sior Ottavio...

Ottavio: Oh! signor Pantalone.

Pantalone: La compatissa se intro con libertà. Ho sentio tutto: quante copie ghe n'ali de sta carta de dota?

Ottavio: Una sola. L'aveva io, e il diavolo poco fa mi ha indotto a mandarla alla signora Beatrice.

Pantalone: Co ghe ne xe una sola, eccola qua. La xe capitada in te le mie man, e fazzo cussì. (la straccia)

Beatrice: Fermatevi...

Pantalone: La carta xe revocada, e cussì me vendico delle so impertinenze. (a Beatrice)

Beatrice: Oh maledetta fortuna!

Ottavio: Come vi capitò quella carta? (a Pantalone)

Brighella: La me l'ha dada a mi, e mi l'ho dada al me padron.

Ottavio: Ma io la consegnai al servitor del notaio.

Brighella: Ella m'ha tolto per el servidor del nodaro, e son servidor del sior Pantalon.

Beatrice: Tutti contro di me. Signor notaio, i miei trenta zecchini.

Notaio: Non me li ha ella dati per parte del signor Ottavio?

Beatrice: Sono miei, e li voglio.

Ottavio: So tutto, ho inteso tutto. Signor notaio, sono miei, ed io ve li dono, in premio della vostra onestà.

Notaio: Sarete persuaso, che quel che ho fatto, l'ho fatto con una onesta finzione, consigliato e animato da Corallina.

Corallina: Tutta opera mia, tutte invenzioni mie, tutta condotta mia, per illuminarvi una volta, per disingannarvi, per farvi conoscere la verità, per assistere un figlio oppresso, per soccorrere un padre assassinato, per correggere una matrigna ingrata.

Ottavio: Ah Corallina mia, voi mi date la vita! Voi ora mi fate piangere per tenerezza.

Corallina: Orsù: parliamo di cose allegre. Signor padrone, il buono piace a tutti. Vi siete voi rimaritato? Ci vogliamo maritare anche noi. Il signor Florindo ed io abbiamo bisogno di matrimonio, e ci raccomandiamo a voi, perché ci facciate generosamente il mezzano.

Ottavio: Sì, cari, sì, venite qui. Tutti due lo meritate. Florindo, vien qui; vien qui, Corallina. Non vi è rango, non vi è disparità. Io vi congiungo, io mi contento. Siete marito e moglie.

Beatrice: Ecco dove tendeano le mire di questa virtuosa eroina.

Corallina: Oh che bei termini! Che bei concetti! Ammiro la sua intrepidezza. Ella in mezzo alle sue disgrazie è spiritosa e brillante. (a Beatrice, deridenlola)

Beatrice: Ah, non ho più sofferenza... (vuol partire)

Corallina: Si fermi, e sarà meglio per lei. (a Beatrice)

Beatrice: Come!

Corallina: La supplico. Il signor Ottavio mi vuole sposare al signor Florindo, ed io prima di farlo gli voglio dare la dote.

Beatrice: Che dote?

Corallina: Ora lo vedrà. Con sua licenza, gentildonna. (parte)

Beatrice: Ed io soffrirò che m insulti, e voi lo soffrirete? Voi che tanto mi amaste? Non vi ricordate più di quelle tenerezze che provaste per me? Caro signor Ottavio, chi avrà cura di voi, chi vi assisterà il giorno, chi vi darà soccorso la notte? (ad Ottavio)

Ottavio: Ah! Voi... voi mi avete tradito.

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License