Carlo Goldoni
Il servitore di due padroni

ATTO PRIMO

Scena Terza. Beatrice in abito da uomo, sotto nome di Federigo, e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Terza. Beatrice in abito da uomo, sotto nome di Federigo, e detti

 

BEATRICE Signor Pantalone, la gentilezza che io ho ammirato nelle vostre lettere, non corrisponde al trattamento che voi mi fate in persona. Vi mando il servo, vi fo passar l'ambasciata, e voi mi fate stare all'aria aperta, senza degnarvi di farmi entrare che dopo una mezz'ora?

PANTALONE La compatissa... Ma chi xèla ella, patron?

BEATRICE Federigo Rasponi di Torino, per obbedirvi. (Tutti fanno atti d'ammirazione).

BRIGHELLA (Cossa vedio? Coss'è sto negozio? Questo no l'è Federigo, l'è la siora Beatrice so sorella. Voi osservar dove tende sto inganno).

PANTALONE Mi resto attonito... Me consolo de vederla san e vivo, quando avevimo avudo delle cattive nove. (Ma gnancora no ghe credo, savè) (piano al Dottore).

BEATRICE Lo so: fu detto che in una rissa rimasi estinto. Grazie al cielo, fui solamente ferito; e appena risanato, intrapresi il viaggio di Venezia, già da gran tempo con voi concertato.

PANTALONE No so cossa dir. La so ciera da galantomo: ma mi gh'ho riscontri certi e seguri, che sior Federigo sia morto; onde la vede ben... se no la me qualche prova in contrario...

BEATRICE È giustissimo il vostro dubbio; conosco la necessità di giustificarmi. Eccovi quattro lettere dei vostri amici corrispondenti, una delle quali è del ministro della nostra banca. Riconoscerete le firme, e vi accerterete dell'esser mio ( quattro lettere a Pantalone, il quale le legge da sé).

CLARICE (Ah Silvio, siamo perduti!) (piano a Silvio).

SILVIO (La vita perderò, ma non voi!) (piano a Clarice).

BEATRICE (Oimè! Qui Brighella? Come diamine qui si ritrova costui? Egli mi conoscerà certamente; non vorrei che mi discoprisse) (da sé, avvedendosi di Brighella). Amico, mi par di conoscervi (forte a Brighella).

BRIGHELLAsignor, no la s'arrecorda a Turin Brighella Cavicchio?

BEATRICE Ah sì, ora vi riconosco (si va accostando a Brighella) Bravo galantuomo, che fate in Venezia? (Per amor del cielo, non mi scoprite) (piano a Brighella).

BRIGHELLA (Non ghdubbio) (piano a Beatrice). Fazzo el locandier, per servirla (forte alla medesima).

BEATRICE Oh, per l'appunto; giacché ho il piacer di conoscervi, verro ad alloggiare alla vostra locanda.

BRIGHELLA La me farà grazia. (Qualche contrabando, siguro).

PANTALONE Ho sentio tutto. Certo che ste lettere le me accompagna el sior Federigo Rasponi, e se ella me le presenta, bisognerave creder che la fosse... come che dise ste lettere.

BEATRICE Se qualche dubbio ancor vi restasse, ecco qui messer Brighella; egli mi conosce, egli può assicurarvi dell'esser mio.

BRIGHELLA Senz'altro, sior compare, lo assicuro mi.

PANTALONE Co la cusì, co me l'attesta, oltre le lettere, anca mio compare Brighella, caro sior Federigo, me ne consolo con ella, e ghe domando scusa se ho dubita.

CLARICE Signor padre, quegli è dunque il signor Federigo Rasponi?

PANTALONE Mo el elo lu.

CLARICE (Me infelice, che sarà di noi?) (piano a Silvio).

SILVIO (Non dubitate, vi dico; siete mia e vi difenderò) (piano a Clarice).

PANTALONE (Cossa diseu, dottor, xèlo vegnù a tempo?) (piano al Dottore).

DOTTORE Accidit in puncto, quod non contingit in anno.

BEATRICE Signor Pantalone, chi è quella signora (accennando Clarice).

PANTALONE La Clarice mia fia.

BEATRICE Quella a me destinata in isposa?

PANTALONE Sior sì, giusto quella. (Adesso son in t'un bell'intrigo).

BEATRICE Signora, permettetemi ch'io abbia l'onore di riverirvi (a Clarice).

CLARICE Serva divota (sostenuta).

BEATRICE Molto freddamente m'accoglie (a Pantalone).

PANTALONE Cossa vorla far? La timida de natura.

BEATRICE E quel signore è qualche vostro parente? (a Pantalone, accennando Silvio).

PANTALONE Sior sì; el un mio nevodo.

SILVIO No signore, non sono suo nipote altrimenti, sono lo sposo della signora Clarice (a Beatrice).

DOTTORE (Bravo! Non ti perdere. Di'la tua ragione, ma senza precipitare) (piano a Silvio).

BEATRICE Come! Voi sposo della signora Clarice? Non è ella a me destinata?

PANTALONE Via, via. Mi scoverzirò tutto. Caro sior Federigo, se credeva che fosse vera la vostra disgrazia che fussi morto, e cussi aveva mia fia a sior Silvio; qua no ghe un mal al mondo. Finalmente arriva in tempo. Clarice vostra, se la volè, e mi son qua a mantegnirve la mia parola. Sior Silvio, no so cossa dir; vedè coi vostri occhi la verità. Savè cossa che v'ho dito, e de mi no ve podè lamentar.

SILVIO Ma il signor Federigo non si contenterà di prendere una sposa, che porse ad altri la mano.

BEATRICE Io poi non sono si delicato. La prenderò non ostante. (Voglio anche prendermi un poco di divertimento).

DOTTORE (Che buon marito alla moda! Non mi dispiace).

BEATRICE Spero che la signora Clarice non ricuserà la mia mano.

SILVIO Orsù, signore, tardi siete arrivato. La signora Clarice deve esser mia, né sperate che io ve la ceda. Se il signor Pantalone mi farà torto, saprò vendicarmene; e chi vorrà Clarice, dovrà contenderla con questa spada (parte).

DOTTORE (Bravo, corpo di Bacco!).

BEATRICE (No, no, per questa via non voglio morire).

DOTTORE Padrone mio, V. S. è arrivato un po'tardi. La signora Clarice l'ha da sposare mio figlio. La legge parla chiaro. Prior in tempore, potior in iure (parte).

BEATRICE Ma voi, signora sposa, non dite nulla? (a Clarice).

CLARICE Dico che siete venuto per tormentarmi (parte).

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License