Carlo Goldoni
Il servitore di due padroni

ATTO PRIMO

Scena Sedicesima. Truffaldino, poi Pantalone

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Sedicesima. Truffaldino, poi Pantalone

 

TRUFFALDINO Mo l'è andada ben, che no la podeva andar meio. Son un omo de garbo; me stimo cento scudi de più de quel che no me stimava.

PANTALONE Disè, amigo, el vostro padron xèlo in casa?

TRUFFALDINO Sior no, nol ghe .

PANTALONE Saveu dove che el sia?

TRUFFALDINO Gnanca.

PANTALONE Vienlo a casa a disnar?

TRUFFALDINO Mi crederave de sì.

PANTALONE Tolè, col vien a casa, deghe sta borsa co sti cento ducati. No posso trattegnirme, perché gl'ho da far. Ve reverisso (parte).

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License