Carlo Goldoni
Il servitore di due padroni

ATTO TERZO

Scena Decima. Florindo e Truffaldino

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Decima. Florindo e Truffaldino

 

FLORINDO Le mie non sono state minori (dietro a Beatrice).

TRUFFALDINO La diga, sior patron, no ghPasqual; siora Beatrice no gh'ha nissun che l'aiuta a vestir; se contentelo che vada mi a servirla in vece de Pasqual?

FLORINDO Si, vanne pure; servila con attenzione, avrò piacere.

TRUFFALDINO (A invenzion, a prontezza, a cabale, sfido el primo sollicitador de Palazzo) (entra nella camera di Beatrice).

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License