Carlo Goldoni
Il servitore di due padroni

ATTO TERZO

Scena Dodicesima. Florindo e Truffaldino

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Dodicesima. Florindo e Truffaldino

 

TRUFFALDINO Tolì, nol se vede. El padron se veste, el va fora de casa, e nol se vede.

FLORINDO Di chi parli?

TRUFFALDINO De Pasqual. Ghe voio ben, l'è me amigo, ma l'è un poltron. Mi son un servitor che valo per do.

FLORINDO Vienmi a vestire. Frattanto verrà il banchiere.

TRUFFALDINO Sior padron, sento che vussioria ha d'andar in casa de sior Pantalon.

FLORINDO Ebbene, che vorresti tu dire?

TRUFFALDINO Vorria pregarlo de una grazia.

FLORINDO Sì, te lo meriti davvero per i tuoi buoni portamenti.

TRUFFALDINO Se è nato qualcossa, la sa che l'è stà Pasqual.

FLORINDO Ma dov'è questo maledetto Pasquale? Non si può vedere?

TRUFFALDINO El vegnirà sto baron. E cusì, sior padron, voria domandarghe sta grazia.

FLORINDO Che cosa vuoi?

TRUFFALDINO Anca mi, poverin, son innamorado.

FLORINDO Sei innamorato?

TRUFFALDINO Signor sì; e la me morosa l'è la serva de sior Pantalon; e voria mo che vussioria...

FLORINDO Come c entro io?

TRUFFALDINO Oh, no digo che la ghe intra; ma essendo mi el so servitor, che la disess una parola per mi al sior Pantalon.

FLORINDO Bisogna vedere se la ragazza ti vuole.

TRUFFALDINO La ragazza me vol. Basta una parola al sior Pantalon; la prego de sta carità.

FLORINDO Si, lo farò; ma come la manterrai la moglie?

TRUFFALDINO Farò quel che poderò. Me raccomanderò a Pasqual.

FLORINDO Raccomandati a un poco più di giudizio (entra in camera).

TRUFFALDINO Se non fazzo giudizio sta volta, no lo fazzo mai più (entra in camera, dietro a Florindo).

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License