Carlo Goldoni
Sior Todero brontolon

ATTO PRIMO

Scena Seconda. Marcolina, e poi Cecilia

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Seconda. Marcolina, e poi Cecilia

 

MARC. A una donna della mia sorte? Serrarghe tutto? No esser patrona de gnente? Mai un spasso? Mai un devertimento? Brontolarme fina el magnar? M'hai trovà in t'un gàttolo? M'hai tolto senza camisa? Gh'ho siemile ducati e son civil più de lori: che i so vecchi xe vegnui co le sgalmare, e casa mia xe più de cent'anni che la gh'ha negozio impiantà.

CEC. Xe una signora che la domanda. (con sdegno)

MARC. Chi xela?

CEC. Mi no so; credo che la sia siora Fortunata. (come sopra)

MARC. Cos'è, siora? Cossa xe sti musoni?

CEC. Sia malignazo sta vita, e chi la ghe piase.

MARC. Cossstà, con chi la gh'aveu?

CEC. Son andada a véder chi è. I m'ha ditto: tirè; ho tirà; xe vegnù el paron vecchio, e el m'ha ditto un mondo de roba.

MARC. Oh! la finiremo sta musica. Sì, da quella che son, che la finiremo. Andè, andè, diseghe a quella signora, che la resta servida.

CEC. (Se el missier xe impastà de tossego, gnanca la niora no xe impastada de zucchero). (parte)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License