Carlo Goldoni
Sior Todero brontolon

ATTO PRIMO

Scena Terza. Marcolina, poi Fortunata

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Terza. Marcolina, poi Fortunata

 

MARC. Sior sì, nol vorave mai che da mi vegnisse nissun. El me vol tettar de mazo anca in questo.

FORT. Patrona, siora Marcolina.

MARC. Patrona, siora Fortunata.

FORT. Cossa fala? Stala ben?

MARC. Servirla; e ela?

FORT. Cussì e cussì.

MARC. La se comoda. Vorla cavarse el zendà? (siedono)

FORT. Eh! n'importa; da sta stagion no l'incomoda.

MARC. Vorla un poco de fogo?

FORT. No, no, dasseno; ho caminà, no gh'ho freddo.

MARC. Gnanca mi, la veda; no tegno squasi mai fogo sotto.

FORT. Tutto xe un usarse. Co se xe usae, no se pol far de manco. Co no se se usa, no se ghe pensa.

MARC. Siora sì, siora sì, son stada usada cussì da puttela, e voggio che se usa cussì anca mia fia.

FORT. Cossa fala siora Zanetta?

MARC. Ben, ben, poverazza. Dopo che l'ha avù quella malattia, in bon'ora lo possa dir, la xe vegnua tanto fatta.

FORT. La diga, siora Marcolina, la vorla maridar la so putta?

MARC. Magari che ghe capitasse una bona occasion.

FORT. Per dirghe la verità, son vegnua a trovarla giusto per questo.

MARC. Dasseno?

FORT. Gh'ho un partio per le man, che se el ghe tocca, dasseno vôi che la me benedissa.

MARC. Oh care le mie vissere! chi xelo?

FORT. Mo a pian: avanti che ghe diga chi el xe, la me diga se la xe in stato de maridarla.

MARC. No gh'oggio ditto de sì?

FORT. Disponela ela della so putta?

MARC. Ghe dirò: doverave disponer so pare, ma so pare no farà né più, né manco, de quello che dirò mi.

FORT. E sior Todero?

MARC. La sarave bella, che quando xe contento el pare e la mare el nonno non s'avesse da contentar.

FORT. Mo no sala che sti vecchi i vol esser patroni de tutto?

MARC. Siora sì, fin a un certo segno. Ma col partio xe bon, co l'occasion xe a proposito, per cossa vorla che el diga de no voler?

FORT. La dota chi ghe l'ha da dar?

MARC. Ghe l'ha da dar mio missier; ma gnanca per questo nol pol miga dir de no ghe la voler dar; perché po, alla fin dei fini, mio mario xe bonazzo, el sta a tutto, el lassa che so pare fazza tutto quello che el vol; ma co bisognasse, me basterave l'anemo de farlo parlar. Della roba in casa ghe n'è, el gh'ha la dota de so mare, ghe xe la mia, gh'ho ose in capitolo anca mi. La putta s'ha da maridar, e ca de diana, se mio missier farà el matto, ghe xe giustizia per tutti.

FORT. No, siora Marcolina; co gh'ha da esser dei strepiti, no femo gnente.

MARC. Digo cussì per dir; ma strepiti no ghe n'ha da esser, e no ghe ne sarà. Mio missier xe avaro, xe stravagante, xe tutto quel che la vol; ma l'ha sempre ditto ch'el vorave che mia fia se logasse; e da do parole che l'ha ditto giersera mi credo che nol veda l'ora che la se marida. No miga perché el ghe voggia ben, sala, perché el xe un de quei vecchi, che no vol ben altri che a si stessi, ma per liberarse da una bocca de più.

FORT. Via donca, co la xe cussì, la ghe parla.

MARC. Ghe parlerò. La me diga el putto chi el xe.

FORT. Se la sa, cossa ghe darali de dota?

MARC. Mo, cara siora Fortunata, la vol metter el carro avanti i bo. Sentimo prima chi xe el partio, e po ghe daremo quella dota che se convegnirà.

FORT. Cossa gh'ala paura? Che ghe propona una persona ordenaria? Sala che sto putto che ghe propono, xe un fior, xe una coppa d'oro? Sala che in sto paese no ghe xe altrettanto? Sala che el xe un mio zerman?

MARC. Oh caspita! so zerman?

FORT. Mo siora sì; cossa dìsela? Ghe xe eccezion?

MARC. Certo che col xe so parente, nol pol esser altro che una persona civil; ma, cara siora Fortunata, per esser un bon partio, ghe vol qualcossa de più.

FORT. Sala che el xe fio solo, che el gh'averà do boni mille ducati d'intrada, e che el gh'ha una carica in aspettativa? Sala che nol gh'ha un vizio al mondo, che el xe un putto che, no fazzo per dir, ma el gh'ha un'aria propriamente da zentilomo? Sala che el xe sior Meneghetto Ramponzoli fio de sior Massimo e de siora Scolastica Caramali?

MARC. Oh se la me ne dirà tante, ghe dirò siora sì; lo cognosso; son contenta; magari.

FORT. Mo! magari certo, magari.

MARC. Xelo informà de sta mia putta? Salo che merito che la gh'abbia? Salo che oracolo che la xe?

FORT. Oh! el sa tutto.

MARC. Salo mo anca, che la xe una putta ben fatta? Che la xe un pometto de riosa?

FORT. Vorla che ghe parla da amiga? El l'ha vista.

MARC. Come? Quando? Mia fia no pratica co nissun; in casa mia no ghe vien nissun. (riscaldandosi)

FORT. Via via, siora Marcolina, no la vaga in collera, che no ghe xe mal. El l'ha vista al balcon.

MARC. Sotto la zelusia?

FORT. Sotto la zelusia. E el l'ha vista anca fora de casa una mattina a bonora.

MARC. Se la va col zendà fina alla centura!

FORT. Cossa serve? No sala? Co i putti vol, no so se la me capissa.

MARC. Zanetta sa qualcossa donca.

FORT. Da quel che ho inteso no i s'ha mai parlà; ma coi occhi credo che i abbia fatto la parte soa.

MARC. Oh poveretta mi!

FORT. Eh via, cara ela: fùssele cussì tutte le putte dal d'ancuo; e fùsseli cussì i putti, come che xe sto sior Meneghetto.

MARC. Cara siora Fortunata, no so cossa dir; za che la xe vegnua a favorirme con tanto bon cuor, la fazza che sto negozio gh'abbia bon fin.

FORT. La diga, cara ela, cossa ghe darali de dota?

MARC. La diga ela: cossa pretenderavelo?

FORT. El putto xe una pua, xe una pasta de marzapan, e de ste cosse nol ghe ne sa, e nol ghe ne vorrà gnanca saver; so pare e so mare i se rimette in mi, e quel che fazzo mi, xe ben fatto. Gh'ho ditto: co siora Marcolina semo amighe, so che siora che la xe; la putta xe una bona putta, lassè far a mi. Mi mo, védela, vôi che andemo alla bona. Mi no vôi domandar; vôi che la diga ela tutto quello che la pol far, e se me parerà conveniente, la me varda mi, e no la pensa altro.

MARC. Ghe dirò. Mi ho portà in casa siemile ducati. Manco de quello che gh'ho mi, a mia fia no i ghe poderà dar.

FORT. Bezzi contai?

MARC. S'intende. I ghe li scriverà in banco.

FORT. Siora Marcolina, me dala parola?

MARC. Ghe dago parola.

FORT. Porla mantegnirmela la parola che la me ?

MARC. Siora sì. Ghe dago parola, e son capace de mantegnirghela.

FORT. Basta cussì. A bon reverirla. (s'alzano)

MARC. Vala via cussì presto?

FORT. Vago a dar la risposta. Ma la varda ben, sala?

MARC. Cossa serve? Sémio putteli?

FORT. Se vegnirò col putto, me lasserala véder la putta?

MARC. Co sarà serrà el contratto.

FORT. E no avanti?

MARC. Oh! la vede ben...

FORT. Gnente, gnente?

MARC. La xe una siora che intende...

FORT. Eh! via, cara ela, che al d'ancuo le se vede le putte. No se sta più su sti rigori, no; le se vede.

MARC. Basta, co se tratta de ela.

FORT. A bon reverirla.

MARC. La diga, la metterali all'ordine pulito?

FORT. Modestamente.

MARC. No digo cossazze. Ma sala? La sa in che tempi che semo.

FORT. Vorla che el ghe spenda intorno tutti i siemile ducati?

MARC. Che i se fazza onor, che no i se fazza burlar.

FORT. Cara siora Marcolina, ghe xe più che lugánega.

MARC. Eh! cara siora Fortunata, al d'ancuo chi se marida, no ha da sperar de sivanzar sulla dota.

FORT. La diga, cara ela, co la s'ha maridà ela, gh'ali fatto ste gran spesazze?

MARC. Oh! per mi, fia mia, i ghe n'ha speso pochetti.

FORT. Védela donca? Xe segno che tutti no pensa a un modo. Una cossa de mezzo, che staga ben, che vaga ben. Cossa occorre far tanti abiti st'anno, perché st'anno che vien no i sia più alla moda? Faremo, faremo pulito. Un bon anello, le so zogette, un per de abiti boni.

MARC. Merli, la veda, sora tutto merli.

FORT. Ghe sarà el bisogno. No la s'indubita, ghe sarà el bisogno. Con so bona grazia. Se vederemo.

MARC. Patrona.

FORT. Xela contenta?

MARC. Oh siestu benedetta!

FORT. Bondì, vita mia. (si baciano)

MARC. Mo quanto che ghe son obligada!

FORT. No ala ditto magari? La vederà se sarà magari. Mi? Co me metto? Ditto, fatto. Patrona. (parte)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License