Carlo Goldoni
Sior Todero brontolon

ATTO PRIMO

Scena Quinta. Todero e Gregorio

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Quinta. Todero e Gregorio

 

Camera di Todero.

 

TOD. Vegnì qua mo, sior.

GREG. La comandi.

TOD. Saveu cossa che v'ho da dir? Che son stà in cusina che ho visto un fogaron del diavolo, che le legne no i me le dona, e che no vôi che se butta suso in quella maniera.

GREG. Ah! la xe stada ela in cusina?

TOD. Sior sì, son stà mi. Cossa voressi dir?

GREG. Mi no digo gnente; ma co son vegnù a casa da spender, ho trovà el fogo desfatto, la carne no bogiva e ho crià co la serva.

TOD. No se pol far boger una pignatta senza un carro de legne?

GREG. Come vorla che la bogia con do stizzetti?

TOD. Suppiè.

GREG. Mi gh'ho cento cosse da far, no posso star miga tutta la mattina a suppiar.

TOD. Co no ghe vu, che vaga a suppiar la massera.

GREG. Anca ela l'ha da far i letti, l'ha da scoar, l'ha da laorar.

TOD. Co no pol la massera, che vaga in cusina mia nezza, che ghe vaga so mare.

GREG. Figurarse, se ele vol andar in cusina.

TOD. Co no ghe xe nissun, disèmelo, che anderò a suppiar mi.

GREG. (Che el suppia quanto che el vuol, mi un de sti me la batto).

TOD. Chi ghe xe adesso in cusina?

GREG. Per adesso ghe xe Cecilia.

TOD. Mio fio dove xelo?

GREG. Za un poco el giera in camera co la patrona.

TOD. Coss'è sta patrona? In sta casa no ghe xe altri patroni che mi. Cossa fàveli in camera?

GREG. Giera la portiera tirada su; cossa vorla che sappia mi?

TOD. Dove xe la putta?

GREG. In tinello.

TOD. Cossa fala?

GREG. La laora.

TOD. Cossa laórela?

GREG. M'ha parso che la mettesse i doppioni a una camisa.

TOD. Sior Desiderio ghe xelo?

GREG. Sior sì, el xe in mezzà.

TOD. Cossa falo?

GREG. Mi ho visto che el scriveva.

TOD. E el putto?

GREG. El xe in mezzà co so pare.

TOD. Scrìvelo?

GREG. Mi no so dasseno, no gh'ho abbadà.

TOD. Andeghe a dir a sior Desiderio, che el vegna qua.

GREG. La servo. (in di partire)

TOD. E po andè in cusina.

GREG. Adesso no gh'ho gnente da far in cusina.

TOD. Mettè suso i risi.

GREG. A sta ora ho da metter suso i risi? Vorla disnar avanti nona?

TOD. Voggio disnar all'ora solita. Ma i risi i se mette suso a bonora, acciò che i cressa, acciò che i fazza fazion. Son stà a Fiorenza, e ho imparà come se cusina i risi. I li fa boger tre ore; e mezza lira de risi basta per otto o nove persone.

GREG. Benissimo. La sarà servida. (Ma per mi me ne farò una pignatella a mio modo). (in atto di partire)

TOD. Vardè cossa che fa mia niora e mio fio, e sappièmelo dir.

GREG. Sior sì, sior sì, ghe lo saverò dir. (Tutto sì; ma la spia no la voggio far). (parte)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License