Carlo Goldoni
Sior Todero brontolon

ATTO PRIMO

Scena Sesta. Todero, poi Desiderio

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Sesta. Todero, poi Desiderio

 

TOD. Nissun fa gnente in sta casa. Mio fio xe un alocco; le donne no gh'ha giudizio. Se no fusse quel bon galantomo de sior Desiderio, poveretto vu. Son vecchio; certe fadighe no le posso più far; gramo mi, se nol fusse elo; el xe un omo attento, el xe un omo fedel, el xe nato in tel paese dove che son nato anca mi; el xe anca, alla lontana, un pochettin mio parente; avanti che mora, lo voggio beneficar. Ma no voggio miga, per beneficarlo elo, privarme mi: che son vecchio, xe vero, ma posso viver ancora dei anni assae; ghe n'è dei altri che xe arrivai ai cento e quindese, ai cento e vinti, e no se sa i negozi come che i possa andar. Troverò ben mi la maniera de beneficarlo senza darghe un bezzo del mio. Velo qua. No vôi per altro che el creda che gh'abbia bisogno de elo, no vôi che el se insuperbissa. Lo voggio beneficar; ma vôi che el laora, e che el se sfadiga.

DESID. Son qua, cossa me comàndela?

TOD. Aveu fenio de metter zo la scrittura?

DESID. Ghe son drio. Ma no ho podesto gnancora fenir.

TOD. Cossa diavolo feu? In cossa ve perdeu? No fe gnente.

DESID. La dise che no fazzo gnente? Me par de far qualcossa. Mi a Rialto, mi in Piazza, mi a Palazzo, mi a scuoder, mi a pagar...

TOD. Via, via; andemo drio fin domattina?

DESID. Mo, caro sior Todero...

TOD. Sior Todero, sior Todero! Una volta ve degnevi de dirme sior paron.

DESID. La compatissa; me par, secondo el bon ordene mercantil, che le incombenze che la m'ha onorà de darme...

TOD. Chi magna el mio pan, m'ha da respettar.

DESID. La m'ha onorà de ametterme alla so tola.

TOD. Ma mi son el paron.

DESID. L'ha avù anca la bontà de dirme, che semo un pochetto parenti.

TOD. Se fussimo anca parenti più de quel che semo, son paron, e voggio esser trattà da paron.

DESID. Benissimo. Da qua avanti ghe dirò sior paron.

TOD. Dove xe vostro fio?

DESID. In mezzà, che el copia le lettere.

TOD. Gh'alo voggia de far ben quel putto?

DESID. Mi me par de sì.

TOD. E mi ho paura de no.

DESID. Vizi nol ghe n'ha certo.

TOD. Se nol ghe n'ha, el ghe ne pol aver.

DESID. Mi no so cossa dir, mi nol lasso praticar con nissun.

TOD. Quanti anni gh'alo?

DESID. Disdott'anni.

TOD. Maridèlo.

DESID. Con che fondamento vorla che lo marida?

TOD. Lo mariderò mi.

DESID. Caro sior paron, certo, che se ela volesse, la poderia darghe stato, la poderia far la sorte de quel povero putto.

TOD. Sior sì, lo mariderò mi.

DESID. Ma senza impiego chi vorla mai che lo toga?

TOD. Lassème el pensier a mi.

DESID. No credo mai che la ghe vorrà dar una putta ordenaria. Semo pover'omeni; ma gnanca per questo...

TOD. Tasè .

DESID. No parlo.

TOD. Saveu chi ghe voggio dar?

DESID. Mi no saverave.

TOD. Mia nezza.

DESID. Siora Zanetta?

TOD. Sior sì. Mia nezza Zanetta.

DESID. Oh! se contenterali so sior pare e so siora mare?

TOD. Son paron mi.

DESID. La vederà che nasserà dei sussuri.

TOD. Son paron mi, ve digo.

DESID. Mi, la me compatissa, no vôi che per causa mia...

TOD. Seu stufo de star con mi? Gh'aveu voggia che ve manda a bon viazo?

DESID. Mi no so cossa dir. Ela sa, ela vede, la fazza ela, mi me rimetto in ela.

TOD. Mia muggier m'ha siemile ducati. Mia niora ha portà in casa siemile ducati. Xe giusto che anca mia nezza gh'abbia siemile ducati.

DESID. Caro sior Todero...

TOD. Coss'è sto sior Todero? Siben che mia nezza sarà muggier de vostro fio, credeu de no averme da dir sior paron?

DESID. Sior sì, tutto quel che la vol.

TOD. (Per adesso lo voggio tegnir un poco basso).

DESID. E cossa vorla che fazza mio fio?

TOD. Che el tenda al mezzà, che el se arleva sotto de vu, perché a una vostra morte el me possa servir, come che fe vu.

DESID. (El gh'ha intenzion che mora avanti de elo).

TOD. Tegnirò la dota in tel mio negozio; ve pagherò el tre per cento; el pro della dota servirà per pagarme le spese della muggier.

DESID. E come vorla che i se vesta?

TOD. No xeli vestii? Vedeu sta velada? Xe undes'anni che me l'ho fatta, e la xe ancora che la par nova.

DESID. E se vegnirà dei puttei?

TOD. No parlè altro, no me secché. Ho pensà a tutto, ho previsto tutto. Credo che me cognossè, credo che lo sappiè che no son un can, che no son un spilorza; diese ducati più, diese ducati manco... no varderò de spenderli, se bisogna.

DESID. Diese ducati più, diese ducati manco?

TOD. Andè in mezzà, andè a fenir de metter zo la scrittura, e stè zitto, e no parlè co nissun. Mia nezza sposerà vostro fio.

DESID. Mi no so cossa dir. (Orsù, mi fazzo conto de lassar correr. Se el ghe la putta con siemile ducati de dota, co la sarà fatta, la discorreremo). (parte)


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License