Carlo Goldoni
Sior Todero brontolon

ATTO PRIMO

Scena Ottava. Marcolina e Fortunata

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Ottava. Marcolina e Fortunata

 

Camera di Marcolina.

 

MARC. Brava, siora Fortunata; la xe tornada presto. Me pòrtela delle bone nove?

FORT. Per mi bonissime. E ela che nove me dala?

MARC. Oh! no gh'oi ditto, cara ela? Ho parlà con mio mario, e el xe contentissimo.

FORT. E el vecchio?

MARC. Al vecchio ghe xe andà a parlarghe so fio, e za, senz'altro, la fazza conto che la cossa sia fatta.

FORT. La putta sala gnente?

MARC. Siora sì, no vorla? Ghe l'ho ditto subito. Oh poverazza, la s'ha messo a pianzer dalla contentezza.

FORT. Possio véderla mi, siora Zanetta?

MARC. Oh! cossa che la dise! la chiamo subito.

FORT. La diga. Ho menà con mi una persona. Me dala licenza che la fazza vegnir avanti?

MARC. Che persona xela?

FORT. Eh! via, siora Marcolina.

MARC. Ah! furbacchiotta, veh! t'ho capio.

FORT. Se no fussimo avanzai come che semo, no me torave sta libertà.

MARC. Via, via, no xe sottoscritto el contratto, ma i xe promessi in parola; la lo fazza vegnir, che la xe patrona.

FORT. Lo chiamerò; intanto la fazza vegnir la putta.

MARC. La farò vegnir. Ma me par che voggia la convenienza, che el parla prima con mi.

FORT. Sì, sì, la gh'ha rason; dasseno la gh'ha rason. Adesso ghe digo alla donna, che la lo chiama. (s'accosta alla scena)

MARC. No crederave mai che mio missier fasse qualche scena. Veramente la xe vegnua siora Fortunata più presto che no credeva. Basta, son mi in te l'impegno, e nassa quel che sa nasser, la mia parola la gh'ha da valer.

FORT. La vederà, se el xe un putto de sesto.

MARC. I sói coss'ali ditto?

FORT. Oh! contentissimi. I xe fora de lori dalla contentezza.

MARC. Quando gh'ali intenzion de voler dar la man?

FORT. Oh! credo mo che i gh'abbia gusto, che quel che s'ha da far, el se fazza presto.

MARC. Per mi, più presto che i fa, i me fa più servizio.

FORT. Velo qua, velo qua. Cossa dìsela?

MARC. Pulito, dasseno, el me piase.

FORT. Che el resta servido, sior Meneghetto.

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License