Carlo Goldoni
Sior Todero brontolon

ATTO PRIMO

Scena Undicesima. Gregorio e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Undicesima. Gregorio e detti

 

GREG. Sior patron, siora patrona, el patron vecchio xe in tutte le furie. El voleva vegnir de qua. El correva, el xe cascà, el s'ha fatto mal a una man. Son corso per agiutarlo, e el m'ha una spenta, che el m'ha tratto da qua a . No so cossa el gh'abbia: mi ho paura che el deventa matto.

MARC. (Presto, andè de , vardè, tegnilo, che nol vegna de qua a far strepiti, che nasserà un precipizio). (a Pellegrin)

PELL. (Vedeu, siora? No ve l'oggio ditto?) (a Marcolina)

MARC. (Causa vu, che no gh'avè spirito, che no gh'avè condotta, che gh'avè paura a parlar).

PELL. (Sì! causa mi! Magneme ancora, che gh'avè rason. Andemo, vegnì via con mi). (a Gregorio, e partono)

FORT. Andemo, sior Meneghetto.

MARC. No so cossa dir, son cussì mortificada, che no gh'ho fià da parlar.

FORT. La compatissa; la sa cossa che gh'ho ditto. Avanti de impegnarse, se varda come che se se impegna.

MARC. Siora sì, quel che ho promesso, son donna capace de mantegnirghelo.

FORT. Chiaccole senza fondamento; andemo via de qua, sior zerman.

MARC. Se i vol andar, mi no i posso tegnir. Ma questo xe un affronto che la me fa.

FORT. L'affronto l'avemo recevesto nu. Patrona.

MENEG. Me despiase in te l'anema un contratempo de sta natura. Attribuisso tutto alla mia sfortuna. Bisogna che el cielo no l'abbia destinada per mi. Pazenzia: ghe son umilissimo servitor.

MARC. Patron. (sostenuta)

MENEG. Siora Zanetta, prego el cielo che ghe daga maggior fortuna.

ZANET. Oh! caro sior, mi son una povera desfortunada. (piangendo)

FORT. Andemo, andemo. (a Meneghetto)

MENEG. Oh Dio! la pianze. (a Fortunata)

FORT. Me despiase, ma no so cossa farghe.

MENEG. Cara signora, la supplico de perdon. Da cossa mai xe nate ste novità? Ghe xe obietti contra la mia persona? Xe tolta de mira la mia fameggia? Crédeli che el mio stato e la mia condizion me fazza esser indegno de imparentarme con lori?

MARC. Nissuna de ste cosse, signor. Mio mario e mi semo persuasi de elo, della so casa, della so condizion e sora tutto della so e della so bona maniera. Ma el satiro de mio messier, ambizioso de voler comandar...

FORT. Mi l'ho prevista, siora Marcolina; e la sa che ghe l'ho ditto, e ghe l'ho replicà, e ela ha abuo da dir...

MARC. Siora sì, mi son la stramba, mi l'o fatto el mal e gh'ho torto mi.

ZANET. E mi, poverazza, torrò de mezzo. (piangendo)

MENEG. Mo via, pussibile che no ghe sia rimedio? Tutte le cosse a sto mondo le gh'ha qualche difficoltà. Par che no se possa conseguir una bona fortuna senza l'accompagnamento de qualche spasemo, de qualche travaggio. Specialmente in tei matrimoni ghe xe sempre qualche desturbo, e po le cosse se giusta; e quel pochetto de amaro che s'ha sofferto, fa parer più dolce la consolazion delle nozze.

FORT. (Mo va , fio mio, che ti gh'ha un discorso che t'innamori).

MARC. Che i me daga tempo, e i vederà se son capace de dir, de far e de mantegnir.

MENEG. Tempo, la dise benissimo, tolemo tempo. Mi no gh'ho sta pressa de maridarme. M'ho determinà a farlo, più per condessender ai mi genitori, che per propria mia volontà. Adesso che ho abù la fortuna de cognosser sta putta, me par che el cuor me stimola a farlo; e se dovesse aspettar, e patir, e sfadigar per averla, me par che sia tutto ben impiegà, per el merito de un tal acquisto.

MARC. Cossa diseu, Zanetta?

ZANET. No so cossa dir. No posso far altro che raccomandarme al cielo, perché el me conceda sta grazia.

FORT. Zerman, se vede che innamorà.

MENEG. Ghe par che sia innamorà? Co la lo dise ela, sarà cussì. Mi in verità no so dirlo, perché non ho mai fatto l'amor. Subito che ho pensà a maridarme, ho desiderà d'esser capace de voler ben; sta signora me in tel genio, e me par che, se la fusse mia, ghe vorave ben. Vedo che la me compatisse, che la me varda con qualche bontà, che la se rammarica per causa mia; e no la vol che spera dal tempo la nostra quiete, la nostra consolazion? Me raccomando alla prudenza della madre, me raccomando alla bontà della fia, dependerò dai so ordeni, dai so comandi, e ghe son umilissimo servitor. (parte)

FORT. Cossa dìsela, siora Marcolina?

MARC. Digo cussì, che se credesse de restar in camisa, voggio certo e seguro che el sia mario de mia fia.

FORT. El cielo ghe conceda la grazia. De sti putti, fia mia, ghe ne xe pochetti. La senta: la gh'ha rason che el xe mio zerman, da resto, son vedoa... e per diana de dia, no me lo lasserave scampar. (parte)

ZANET. Séntela, siora mare?

MARC. Andè, andè, fia, e raccomandeve de cuor.

ZANET. Oh! son tanto desfortunada, che ho paura che nol me tocca. (parte)

MARC. Sì, se el cielo vorrà, el sarà too, e el ciel l'ha da voler, perché el cielo vol le cosse giuste, e xe giusto che a una bona putta ghe abbia da toccar la grazia de un bon mario. (parte)



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License