Carlo Goldoni
Sior Todero brontolon

ATTO SECONDO

Scena Seconda. Nicoletto e detto

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Seconda. Nicoletto e detto

 

NICOL. (Gh'ho una paura co vegno a parlar co sto vecchio, che me trema le buelle in corpo).

TOD. Via, vegnì avanti. Cossa feu incantà?

NICOL. Son qua. Cossa comàndela?

TOD. Aveu fenio de copiar le lettere?

NICOL. Debotto.

TOD. Debotto, debotto! No la fenì mai.

NICOL. Fazzo quel che posso. (tremando)

TOD. (Se vede che el gh'ha tema de mi).

NICOL. (Cossa che anderave via volentiera!) (scostandosi un poco)

TOD. Vegnì qua.

NICOL. Son qua. (si accosta)

TOD. Che mestier gh'averessi intenzion de far?

NICOL. Cossa vorlo che diga? Mi no saveria cossa dir.

TOD. Ve piase star in mezzà?

NICOL. Sior sì.

TOD. Staressi volentiera con mi?

NICOL. Sìor sì.

TOD. Scrivereu? Lavorereu? Imparereu?

NICOL. Sior sì.

TOD. Sior sì, sior sì; no savè dir altro che sior sì. (con sdegno)

NICOL. (Si ritira con timore)

TOD. Vegnì qua. (dolcemente)

NICOL. (Si accosta con timore)

TOD. Ve voleu maridar?

NICOL. (Fa segno di vergognarsi)

TOD. Via, respondè. Ve voleu maridar?

NICOL. Oh! cossa che el dise! Mi maridarme? (come sopra)

TOD. Sior sì; se volè maridarve, mi ve mariderò.

NICOL. (Vergognandosi fa dei risetti)

TOD. Anemo, respondeme: sì, o no?

NICOL. (Ride più forte, storcendosi)

TOD. Voleu, o no voleu?

NICOL. Se el disesse dasseno!

TOD. Sior sì, digo dasseno; e se volè, ve mariderò.

NICOL. Per cossa me vorlo maridar?

TOD. Per cossa, per cossa? Co digo de maridarve, no avè da cercar per cossa.

NICOL. Salo gnente sior pare?

TOD. El sa, e nol sa; e co vel digo mi, son paron mi, e chi magna el mio pan, ha da far quel che voggio mi.

NICOL. Oh bella! el me vol maridar!

TOD. Sior sì.

NICOL. Quando?

TOD. Presto.

NICOL. El diga. Chi me vorlo dar?

TOD. Una putta.

NICOL. Bella?

TOD. O bella o brutta, la torrè come la sarà.

NICOL. (Oh! se la xe brutta, mi no la voggio).

TOD. Cossa diseu? (con sdegno)

NICOL. Gnente. (con timore)

TOD. Co saverè chi la xe, gh'averè da caro.

NICOL. La cognóssio?

TOD. Sior sì.

NICOL. Chi xela?

TOD. No ve voggio dir gnente; e vardè ben: de quel che v'ho ditto, no parlè co nissun, che se parlè, poveretto vu.

NICOL. Oh! mi no digo gnente a nissun.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License