Carlo Goldoni
Sior Todero brontolon

ATTO SECONDO

Scena Terza. Cecilia e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Terza. Cecilia e detti

 

CEC. Sior patron.

TOD. Cossa gh'è? Cossstà? Cossa voleu? Cossa me vegniu a seccar?

CEC. Via, via, nol vaga in collera. Manco mal che in te la so camera ghe vegno manco che posso.

TOD. Faressi meggio a filar.

CEC. Ho filà fin adesso.

TOD. Ve pésela la rocca che no la podè portar da una camera all'altra?

CEC. Me par mo anca de far...

TOD. Manco chiaccole. Cossa seu vegnua a far in sta camera?

CEC. Son vegnua a dirghe da parte de so siora niora...

TOD. (Manco mal che no l'ha ditto della patrona).

CEC. Che se el se contenta, la vorave vegnirghe a dir do parole.

TOD. Diseghe che adesso no posso, che gh'ho da far.

CEC. Do parole sole...

TOD. No posso, ve digo, andè via de qua.

CEC. Ben, ben, nol vaga in collera: ghe dirò che nol pol. (in atto di partire)

NICOL. (Oe: v'ho da parlar). (piano a Cecilia)

CEC. (Se vederemo). (a Nicoletto, e parte)

TOD. Dove xe vostro padre?

NICOL. El giera in mezzà che el scriveva.

TOD. Aspetteme qua fin che torno.

NICOL. Staralo un pezzo?

TOD. Starò fin che vorrò mi. Aspetteme, e no ve partì. (Vôi tornar a parlar con so padre. Vôi concluder, vôi stabilir, voggio destrigarme. Mia niora me vol parlar? Sior sì, m'immagino cossa che la me vol dir. Che l'aspetta che marida so fia, e po che la me parla quanto che la vol). (parte)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License