Carlo Goldoni
Sior Todero brontolon

ATTO SECONDO

Scena Quarta. Nicoletto, poi Cecilia

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Quarta. Nicoletto, poi Cecilia

 

NICOL. Oh bella! el me vol maridar. La xe ben curiosa! mi ho paura ancora che el me burla. Magari che el disesse da senno. Sangue de diana, se me marido, ho da saltar tant'alto dall'allegrezza.

CEC. Nicoletto. (sulla porta)

NICOL. Oe, Cecilia, senti.

CEC. Ghpericolo che el vegna?

NICOL. El xe andà in mezzà da mio pare.

CEC. Se el me trova qua, poveretta mi.

NICOL. Eh! col va in mezzà, el ghe sta un pezzo.

CEC. Cossa me volevi dir?

NICOL. Voleu che ve ne conta una bella?

CEC. Via mo, contèmela.

NICOL. Ma vardè ben, vedè, no disè gnente a nissun.

CEC. Oh! mi no parlo.

NICOL. Indivinè mo! Sior Todero el me vol maridar.

CEC. El ve vol maridar? (con ammirazione)

NICOL. Sì, anca per diana che el me vol maridar.

CEC. Eh! via, che el ve burla.

NICOL. Nol burla gnente, nol burla. El me l'ha ditto, el l'ha confermà, el me l'ha tornà a dir. Anzi no voleva creder, e el m'ha fina crià, perché no credeva.

CEC. Mo, me contè ben una cossa granda!

NICOL. Ah! cossa diseu? Pareroggio bon co sarò maridà?

CEC. Salo gnente vostro sior pare?

NICOL. Sior Todero m'ha ditto de sì, che el lo sa.

CEC. E chi gh'alo intenzion de darve?

NICOL. No so; nol me l'ha volesto dir.

CEC. Ve maridereu volentiera? (mortificata)

NICOL. De diana! mi sì, no vedo l'ora.

CEC. No savè chi sia la novizza, e no vedè l'ora de maridarve?

NICOL. El m'ha ditto che la cognosso, che co saverò chi la xe, gh'averò da caro.

CEC. Vu no andè in casa de nissun; donne in sta casa no ghe ne vien. Col dise che la cognossè, parerave che la novizza avesse da esser in casa.

NICOL. Che la fusse siora Zanetta?

CEC. Uh, che diavolo de bestialità! Figurarse se a vu el ve daria una so nezza!

NICOL. Oe, Cecilia, ghe sarave pericolo che fussi vu?

CEC. E se fusse mi, ve despiaserave?

NICOL. Magari. Oh magari, oh magari!

CEC. Sentì! no stè a far fondamento delle mie parole, ma se poderave anca . El paron xe cussì de quel temperamento che sempre el brontola, che sempre el cria; ma mi so che nol me vede mal volentiera. Qualche volta el m'ha ditto che son una donnetta de garbo. Xe quattro mesi che nol me el salario, e ogni volta che ghe lo domando, el me dise: lassa che te lo suna; lassa, lassa, che te vôi maridar.

NICOL. Cussì el ve dise?

CEC. Sì anca varenta i mi occhi, che el me l'ha ditto.

NICOL. Lassa, lassa, che te vôi maridar?

CEC. Lassa, lassa, che te vôi maridar.

NICOL. Mo la sarave ben bella!

CEC. Gh'averessi gusto, Nicoletto?

NICOL. Mi sì, per diana. E vu gh'averessi gusto?

CEC. Oh! se savessi quanto ben che ve voggio!

NICOL. Varè, vedè, per cossa no me l'aveu mai ditto?

CEC. Perché son una putta da ben, e le putte no le ha da parlar de ste cosse, co no le gh'ha speranza de maridarse.

NICOL. Adesso mo gh'averè speranza de maridarve.

CEC. Mi sì, vedè: se ho da dirve la verità, gh'ho tanta fede che l'abbia da esser cussì.

NICOL. Oh, che cara Cecilia!

CEC. Cossa diseu? Oh! chi l'avesse mai ditto?

NICOL. Oh, che cara muggier! (le vuol toccare una mano)

CEC. Via, sior sporco, tegnì le man a casa.

NICOL. Oh, se cattiva, mi no ve voggio.

CEC. Co sarà el so tempo, no sarò cattiva.

NICOL. Vien zente.

CEC. Oh poveretta mi!

NICOL. Eh! xe Gregorio.

CEC. Zitto, zitto.

NICOL. Mucchi, mucchi.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License