Carlo Goldoni
Sior Todero brontolon

ATTO SECONDO

Scena Quinta. Gregorio e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Quinta. Gregorio e detti

 

GREG. Nicoletto, andè da basso in mezzà, che el paron ve chiama.

NICOL. Vago, vago.

CEC. Oe, sentì: caro vu, no ghe disè gnente al paron che m'avè trovà qua. (a Gregorio)

GREG. Eh! no abbiè paura, no parlo. Fazzo coi altri quel che me piaserave che fusse fatto con mi. (parte)

NICOL. Vago a sentir cossa che i me dise.

CEC. Sì, fio, andè. Pol esser che sappiè qualcossa de più. Vardè ben, no me menzonè: se i ve parla de mi, mostrè de vegnir dalla villa, e co savè qualcossa, avviseme.

NICOL. Sì ben, ve conterò tutto. Sangue de diana, sangue de diana, sangue de diana. (parte saltando)

CEC. I fa ben a maridarlo a bonora. I putti, co no i se marida, i chiappa delle pratiche, e i se desvia. Siestu benedetto: adesso el xe un colombin. Me toccheralo a mi? Oh! mi gh'ho bona speranza, seguro. El cuor me dise de sì, e col cuor me dise una cossa, nol falla mai. (parte)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License