Carlo Goldoni
Sior Todero brontolon

ATTO SECONDO

Scena Ottava. Marcolina e Cecilia

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Ottava. Marcolina e Cecilia

 

MARC. Disè, saveu dove che staga de casa siora Fortunata?

CEC. Siora sì, la sta qua sulla riva del Vin.

MARC. Metteve su la vesta e el zendà; andè da siora Fortunata, reverila da parte mia, diseghe che me premeria subito de parlarghe. Diseghe se la pol favorir da mi, se no che anderò mi da ela.

CEC. Siora sì, subito. La diga, siora patrona, ghe vorave confidar una cossa.

MARC. Su che particolar?

CEC. Su un particolar mio de mi.

MARC. (Vardava se la saveva qualcossa sul proposito de mia fia). Via, destrigheve, che me preme che andè a far sto servizio.

CEC. Ma la prego de no dir gnente a nissun.

MARC. Che bisogno ghe xe? Co no s'ha da parlar, mi no parlerò.

CEC. La senta: el paron vecchio el vol maridar Nicoletto.

MARC. El vol maridar Nicoletto? Come l'aveu savesto?

CEC. Ghe dirò tutto; ma cara ela, no la diga gnente a nissun.

MARC. Mo via, cossa serve? Diseme, come l'aveu savesto?

CEC. No vorave che qualchedun me sentisse. (va a guardare)

MARC. (Poveretta mi! che a quel vecchio ghe fusse vegnù in testa la bestialità de darghe mia fia?)

CEC. La senta. Nicoletto me l'ha confidà elo.

MARC. Elo ve l'ha confidà? Cossa v'alo ditto?

CEC. Eh! m'ha ditto cussì che sior Todero lo vol maridar.

MARC. E chi gh'alo intenzion de volerghe dar?

CEC. Se no i andasse in collera, mi ghe lo diria.

MARC. In collera? Ho d'andar in collera? Gh'entrio mi in sto negozio, che ho d'andar in collera?

CEC. Se volemo, la ghe pol intrar, e no la ghe pol intrar.

MARC. (Me vien un freddo dalle ongie dei fin alle raìse dei cavei).

CEC. La senta. Pol esser ancora che falla; ma da quel che m'ha ditto Nicoletto, e da quel che mi posso congetturar, credo certo de no m'ingannar.

MARC. E cussì, se pol saver chi la sia?

CEC. Se gh'ho da dir la verità, gh'ho pensier d'esser mi.

MARC. Vu?

CEC. Siora sì, mi.

MARC. (Oimei, me xe tornà el fià in corpo).

CEC. Ghe lo confido, perché che la me vol ben, e la gh'averà da caro che anca mi sia logada.

MARC. Ma diseme, cara vu, con che fondamento vorlo mio missier maridar sto putto?

CEC. Mi no so po, i ghe penserà lori; so che lo sa anca sior Desiderio.

MARC. E quella volpe vecchia de sior Desiderio, che in materia del so interesse xe fursi pezo de mio missier, che pretende de esser nostro parente, che disna a tola con mi, se contenterà che so fio sposa una cameriera, che no gh'ha dota, che no gh'ha gnente a sto mondo?

CEC. Cara ela, se no gh'ho dota, gh'ho dell'abilità, e anca mi gh'ho dei parenti che xe civili al pari de sior Desiderio, e anca qualcossetta de più.

MARC. Ma lo saveu de certo che i voggia maridar Nicoletto, e che vu siè quella che i ghe vol dar? Cossa v'alo ditto? Come v'alo parlà?

CEC. Ghe dirò, co xe andà da basso el paron, el m'ha chiamà Nicoletto, e el dise... No savè, el dise, sior Todero me vol maridar. Digo mi: dasseno? Sì, dasseno, el dise. Digo mi, digo: chi ve vorlo dar? El dise: no so, el dise. El m'ha ditto che la cognosso, che col saverò, gh'averò da caro. Oh, digo, vu no conossè nissun, bisogna che la novizza sia in casa. El dise... bisogna, el dise. Digo mi, digo: se fusse mi quella? Magari, el dise. Oe, el gh'ha un gusto matto, e anca mi in verità son contenta.

MARC. E no gh'avè altro fondamento che questo?

CEC. Oh! la senta, la senta. Sala quante volte che el paron m'ha ditto che el me vol maridar?

MARC. V'alo mai parlà de Nicoletto?

CEC. Oh giusto! no sala che omo che el xe? El xe capace de chiamarme dal ditto al fatto, e dirme: sposilo, che vôi che ti lo sposi. Oe, se el me lo dirà, e mi lo sposerò.

MARC. Ben, ben, ho inteso.

CEC. Ghe despiase che me marida?

MARC. Andè, andè, dove che v'ho ditto.

CEC. De diana! mi son vegnua a parlarghe col cuor averto...

MARC. Andè, ve digo, andè subito, che me preme.

CEC. (Mo che rustegona! Oh, la xe pezo de so missier. Ghe zogo mi che la gh'ha invidia, perché no se marida so fia). (parte)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License