Carlo Goldoni
Sior Todero brontolon

ATTO SECONDO

Scena Nona. Marcolina sola

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Nona. Marcolina sola

 

Oh, no ghe vedo chiaro in sto negozio! Cecilia xe un pezzo che la gh'ha voggia de maridarse, e la se va taccando sui specchi. Da quel che la m'ha ditto, bisogna che i abbia parlà de maridar Nicoletto, ma no ghnissuna rason de creder che i ghe voggia dar una serva. Ghe scometterave la testa, che quel vecchio matto de mio missier ha volta al cervello a sto segno, de immaginarse de poderghe dar la mia putta; e quel temerario de Desiderio xe capacissimo de darghe sotto, e de stuzzegarlo a costo del precipizio de sta fameggia. Mai me xe passà per mente tal cossa: averia pensà a tutte le cosse del mondo, fora che a questa; ma el descorso de Cecilia me fa sospettar, e el mio sospetto no xe senza rason. El dise che el l'ha impromessa, e no l'ardisse de dir con chi. Vedo la confidenza che el gh'ha co sta zente; so che l'è superbo, ma che la superbia ghe passa, quando che se tratta dell'avarizia. So che l'è capace de tutto, e no sarave una maraveggia che el fusse anca capace de strapazzar el so sangue, e de sassinar una nezza. Ma no, no la gh'anderà fatta. Fin che sti occhi xe averti, sto gusto nol lo gh'averà. Finalmente son mare, sulla mia creatura gh'ho rason de parlar anca mi, e se la legge no vol che sia patrona la mare de maridar a so modo una fia, nissuna legge pol obligar una mare a lassarla sacrificar.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License