Carlo Goldoni
Sior Todero brontolon

ATTO SECONDO

Scena Undicesima. Fortunata e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Undicesima. Fortunata e detti

 

FORT. Coss'è, creature? Cossa xe stà?

MARC. Gnente, fia, gnente; la se senta. Deghe una carega. (a Pellegrin)

PELL. Siora sì, subito. (porta una sedia a Fortunata)

FORT. Son qua, siora Marcolina, cossa me comàndela?

MARC. Cara ela, la perdona se l'ho incomodada.

FORT. Oh cossa dìsela? Gnente affatto. Vorave esser in caso de poderla servir.

MARC. Via, sior Pellegrin, se avè da far, andè, che sta signora ve licenza.

FORT. Per mi, che el se comoda pur.

PELL. (Ho inteso, no la me vol). Patrona. (a Fortunata)

FORT. Patron riverito. (a Pellegrin)

PELL. (Mia muggier no me vol. Mio pare me magna i occhi; anderò a serrarme in soffitta). (parte)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License