Carlo Goldoni
Sior Todero brontolon

ATTO SECONDO

Scena Dodicesima. Marcolina e Fortunata

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Dodicesima. Marcolina e Fortunata

 

MARC. Mi veramente l'aveva mandada a incomodar per una razon; ma adesso ghe n'ho diese che me obliga a pregarla, a sconzurarla de assisterme, de no me abbandonar.

FORT. Cara siora Marcolina, son qua in quel che posso con tutto el cuor. Veramente giera andada un pochetto in collera; ma ho pensà che ela no ghe n'ha colpa, e quel putto m'ha tanto savesto dir, che no so per lori cossa che no farave.

MARC. Aveva giusto a caro de saver da ela, co l'è andà via de qua, cossa che l'ha ditto: se l'ha preteso de cavarse con civiltà, o se el gh'ha veramente per la mia putta quella premura che el mostrava d'aver.

FORT. Ghe attesto e ghe protesto, che un putto più schietto e più sincier nol gh'è, nol ghe xe stà, e nol ghe sarà. No ala sentìo? El xe pronto a soffrir, a aspettar...

MARC. El ponto sta, siora Fortunata, che più che stemo, faremo pezo. Ghe xe delle cosse per aria con quel mio missier... Se ghe disesse tutto, la se metteria le man in ti cavei.

FORT. La diga: senza che buttemo via le parole tra ela e mi, che mi za la sa che no posso concluder gnente, parleravela volentiera un'altra volta col putto?

MARC. Magari che el cielo volesse.

FORT. Se la vol, el xe poco lontan. Co xe vegnù la so serva, el giera a casa da mi. Curioso anca elo, gramo, perché la sa... la zoventù... la ghe piase... no l'ha mai fatto l'amor... el m'ha compagnà fin da basso, e el m'aspetta da quel dalle acque. Gh'ala balconi che varda in calle?

MARC. Siora sì; quel balcon che xe , varda giusto sora quel dalle acque.

FORT. Vorla che el chiama?

MARC. Sì, sì, l'al chiama.

FORT. La parlerà con elo, la ghe dirà a elo. Per mi? De diana! no con una man, ma co cento. (corre alla finestra)

MARC. In tel caso che son, me par che me sia lecito de tentar tutto. Co no se intacca l'onor della casa, co no se intacca la della putta, no me vergogno a umiliarme. No me vergogno a pregar. Chi sa che el cielo no m'assista. Che in grazia de quella innocente, el cielo no benedissa le mie intenzion.

FORT. El vien subito.

MARC. Grazie, siora Fortunata.

FORT. Oh! mi po son de bon cuor.

MARC. Co parlo, la m'agiuta anca ela.

FORT. No la s'indubita. La lassa far a mi.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License