Carlo Goldoni
Sior Todero brontolon

ATTO SECONDO

Scena Tredicesima. Meneghetto e dette

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Tredicesima. Meneghetto e dette

 

MENEG. Perméttele?

FORT. La favorissa.

MARC. Serva, sior Meneghetto.

MENEG. Ghe fazzo umilissima riverenza. La perdoni, mi non averave ardìo de vegnir, se no m'avesse coraggio siora zermana.

MARC. El pol esser seguro che da mi, in casa mia, el sarà sempre visto ben volentiera.

MENEG. Effetto della so bontà.

FORT. Poverazza! la xe tanto bona, e la gh'ha sempre dei travaggi che la fa suspirar.

MARC. Ma! cossa vorla far? Semo a sto mondo, bisogna starghe.

MENEG. Me despiase a sentir che la gh'abbia delle cosse che la desturba; ma chi gh'ha el cuor ben fatto, come che la gh'ha ela, sente manco i travaggi, e se difende con più coraggio.

MARC. Eh! fio mio; son più debole de quel che el crede; e po, quando dol, dol, e co se sente toccar sul vivo, in verità el coraggio no basta.

FORT. Povera signora! la ghe conta, la ghe conta, la ghe diga tutto a sior Meneghetto; el xe un galantomo, sala?

MENEG. Vorria col sangue istesso poder esser de giovamento a una persona che merita tutto el ben.

MARC. Caro sior Meneghetto, za che la sorte ha fatto che possa aver l'onor de parlarghe, el me permetta che ghe diga una cossa che me afflize, che me tormenta, alla qual elo solo, volendo, el ghe poderia remediar. Mio missier, omo indiscreto, irragionevole, de cattivo cuor, xe sempre più inviperio a voler disponer della mia putta, e quel ch'è pezo, a volerla precipitar. S'ha penetrà la so intenzion, s'ha savesto a chi el gh'ha in ànemo de volerla dar; e me vergogno a dirlo, e me bogie el sangue a pensarlo. La senta, se se pol dar un omo più can, più perfido, più incivil. Una putta de quella sorte, una putta che, no fazzo per dir, la xe un fior, una pua, una pasta de marzapan, el gh'averave intenzion de darla a un fio de un nostro fattor.

FORT. Eh via!

MENEG. Pussibile sta cossa?

MARC. Cussì no fùssela per mi, e per quella povera innocente che non merita un affronto de sta natura.

FORT. Mo el xe ben un vecchio senza giudizio e senza reputazion.

MENEG. E cossa penseràvela de far in sto caso? (a Marcolina)

MARC. Caro sior Meneghetto, la prego de parlarme sinceramente: la mia putta ghe vala a genio?

MENEG. Anzi gh'ho tutta la stima...

MARC. No parlemo de stima, lassemo da una banda le cerimonie: ghe piàsela? Ghe par d'aver gnente d'amor?

FORT. No alo ditto che el ghe vol ben? (a Meneghetto)

MENEG. Quel che ho ditto, l'ho ditto de cuor, e fursi ho ditto manco de quel che sento. Siora Zanetta merita tutto, e me chiamerave felice se la podesse conseguir in consorte.

FORT. Séntela, no ghe l'oggio ditto? (a Marcolina)

MARC. La prego de perdon, la compatissa una mare piena de zelo e de confusion. Se nol gh'avesse la dota subito, se l'avesse da aspettar, mettemo sto caso, fin dopo la morte de mio missier, gh'averàvelo difficoltà de facilitar?

FORT. De dia! alo da viver sempre sto vecchio? Mi credo che el gh'abbia debotto cent'anni.

MENEG. Veramente in materia d'interesse anca mi ho da dipender dai mi maggiori; ma son seguro che i me vol ben, e co se trattasse de contentarme, son certo che no i gh'averave nissuna difficoltà d'aspettar; onde ardisso de dir che, se no ghe fusse altro che sta sola difficoltà, posso comprometterme de accordarla, e che per mi, circa alla dota, saria contentissimo de aspettar.

FORT. Séntela? El xe de sto cuor. (a Marcolina)

MARC. Donca co la xe cussì, xe facile che el la gh'abbia ogni qualvolta che el vol; e più presto che femo, se cavemo fora da ogni pericolo, da ogni batticuor. Mio mario xe contento; mi son contenta; la putta più che più. Co 'l pare e la mare ghe la , co elo la vol, se trova do testimoni, e se fa tutto quello che s'ha da far.

FORT. Brava siora Marcolina; cossa dìselo sior zerman? Ghe par che la l'abbia pensada pulito?

MENEG. Ghe dirò, se le me permette, ghe dirò el mio debole sentimento. Circa alla dota, ghe confermo quel che gh'ho ditto: la xe una cossa che me riguarda mi solamente, e posso arbitrar senza far ingiuria a nissun. Ma sposarla senza che el nonno lo sappia, sposarla a despetto del patron della casa, l'onestà nol consente, e la mia pontualità ghe resiste. Xe vero che el pare e la mare gh'ha autorità sulla putta; ma dipendendo anca lori dal capo della fameggia, no i pol disponer de un matrimonio senza l'assenso de chi ghe pol comandar. I pol ben opponerse con vigor, con rason e per giustizia, se occorre, perché un vecchio imprudente no sacrifica malamente el so sangue, no daga una nezza a una persona indegna che non la merita, e che ghe pol far disonor; ma gnanca per questo, la me perdona, no i l'ha da maridar in scondon, no i ha da corregger un mal con un altro mal, no s'ha da perder el respetto a un pare e a un missier, che s'ha da compatir per natura, che s'ha da venerar per l'età, e s'ha da soffrir per legge, per convenienza e per onestà.

FORT. Mo andè , fio mio, che doveressi far l'avvocato.

MARC. No so cossa dir. El parla ben, el dise ben. El so discorso me serve de rimprovero, de mortificazion. Sarà quel che piaserà al cielo: se vede che la mia putta no xe destinada per lu.

MENEG. Mo perché? Perché vorla metter sta cossa in desperazion? No se pol trovar delle strade oneste, dei mezzi forti e civili per mover l'animo de sior missier? Tentemo; provemo a farghe parlar.

FORT. Che el ghe parla elo, sior Meneghetto. Chi vorlo mai a sto mondo che possa parlar meggio de quello che el ghe pol parlar elo? M'impegno che, se el ghe dise lu do parole, el lo reduse un agnello.

MENEG. Per mi non gh'ho difficoltà de parlarghe.

MARC. No i lo cognosse; no i sa chi el sia; no faremo gnente.

FORT. Se pol provar.

MENEG. Provemo. Cossa mai sarà? Me diralo de no? Pazenzia.

MARC. E se el ghe dise de no, no gh'è altro.

MENEG. Se el me dise de no, vorla che mi lo obliga a dir de sì?

MARC. Allora no ghe sarà più speranza che Zanetta sia so muggier.

MENEG. Me despiaserave nell'anima; ma la vede ben... (si vede muovere la portiera)

FORT. Oe, chi xe drio quella portiera?

MARC. (No saverave).

FORT. (Che ghe fusse el vecchio?)

MARC. (No crederia).

FORT. (Vorla che varda?)

MARC. (La varda pur).

FORT. (Se el fusse elo, el ghe poderave parlar). (s'accosta)

MARC. Mah! no ghremedio.

MENEG. Chi sa? No la se despiera.

FORT. Oh! ela la xe? (scopre la portiera, e vede Zanetta col fazzoletto agli occhi, appoggiata alla porta)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License