Carlo Goldoni
Sior Todero brontolon

ATTO SECONDO

Scena Quattordicesima. Zanetta e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Quattordicesima. Zanetta e detti

 

ZANET. Oh! poveretta mi! (vergognandosi)

FORT. Via, via, no la se vergogna.

MARC. Cossa feu vu, siora? (a Zanetta)

ZANET. La compatissa. (vuol partire)

FORT. Eh via, che la se ferma un pochetto. (la trattiene)

MARC. No, cara ela, la lassa che la vaga via. (a Fortunata)

FORT. De diana! cossa gh'ala paura? La sa pur con chi l'ha da far. (a Marcolina, trattenendo Zanetta)

MENEG. La prego de non usar per mi sto rigor. So che no merito gnente; ma la mia onestà spero che no ghe possa pregiudicar. (a Marcolina)

MARC. Semo troppo lontani, sior Meneghetto; ghe vedo poca speranza che possiemo riuscir.

MENEG. Chi sa? No semo tanto lontani.

ZANET. Eh! ho sentìo che nol ghe pensa gnente de mi.

MENEG. Come, siora Zanetta? (accostandosi) Come mai porla dir sta cossa? Se la dise d'aver sentìo, l'averà inteso quanta premura che gh'averia de aver la fortuna d'averla.

ZANET. Siora mare voleva, e elo no vol.

MENEG. Voggio quel che posso voler. No voggio quel che no convien de voler.

MARC. Oh! via, basta cussì. La ghe permetta che la vaga in te la so camera. (a Fortunata)

FORT. Per mi, che la vaga pur.

MENEG. La se assicuri, siora Zanetta, che la stimo e che ghe voggio ben.

ZANET. Mi no ghe credobezzo, né bagattin. (parte)

FORT. Séntelo, sior zerman?

MENEG. Pazenzia. Spero che un la me crederà. Sti rimproveri i xe tante ferìe al mio cuor, ma la compatisso, no la xe in stato gnancora de destinguer l'amor dalla convenienza. Lo protesto, ghe voggio ben; più che la vedo, più la me piase, e le so lagreme le me move a compassion, e sempre più le me impegna. Con so bona grazia: vôi parlar co sior Todero, vôi tentar de vencerlo, se mai posso. El cielo me daga forza, me daga abilità de far breccia, per la consolazion de sta casa, per la consolazion del mio cuor. Tutto se fazza, tutto se tenta; ma che se salva el decoro, la giustizia, la convenienza, l'onor. (parte)

FORT. No la s'indubita gnente. Se el ghe parla, el xe certo. Me par de . El ghe accorda tutto. La staga aliegra, la se consola. Voggio andar a consolar quella povera putta. La me fa tanto peccà. (parte)

MARC. Certo che sior Meneghetto el gh'ha una maniera de parlar che l'incanta. Se l'avesse da far con un altro son segura che el lo persuaderia. Ma co mio missier? Pol esser; ma me par impussibile. El xe un vecchio che gh'ha ste tre piccole qualità: avaro, superbo e ostinà. Da resto po, el xe el più bon omo del mondo. Chi el sente elo, tutti xe cattivi, tutti xe pessimi e lu xe bon. I xe cussì sta zente: co no i roba, co no i zoga, co no i fa l'amor, ghe par de esser oracoli de bontà. Da resto all'avarizia i ghe dise economia, alla superbia i ghe dise ponto d'onor, e all'ustinazion parola, pontualità. Poveri alocchi! Ghe vol altro per esser zente da ben! Ghe vol bon cuor, sora tutto bon cuor. Amar el so prossimo, voler ben al so sangue, giustizia con tutti, carità per tutti. Povero vecchio! Se el tira avanti cussì, el se n'accorzerà. El cielo ghe daga del ben a elo, e me daga pazenzia a mi, e un poco de consolazion a quelle care viscere de mia fia. (parte)

[


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License