Carlo Goldoni
Sior Todero brontolon

ATTO TERZO

Scena Terza. Desiderio e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Terza. Desiderio e detti

 

DESID. La comandi.

TOD. Compagné sto signor. (a Desiderio) La scusa. Ho da far. A bon reverirla. (parte)

MENEG. (Che maniera impropria, incivil!)

DESID. (Manco mal, che ho tutto sentìo).

MENEG. (No ghremedio. Anderò da siora Marcolina anderò a licenziarme). (va per sortire dalla porta per dove è entrato)

DESID. Per de qua, la veda, per de qua se va fora più presto. (mostrandogli l'altra porta)

MENEG. Avanti d'andar via, vorave riverir siora Marcolina.

DESID. No la ghe xe, la veda.

MENEG. No la ghe xe?

DESID. La xe andada fora de casa.

MENEG. La xe andada fora de casa? Bravo. Ho capio. (Costù sa qualcossa. Eh, no me degno de vegnir a parole con lu. Anderò via, e tornerò). (parte per dove Desiderio ha accennato)

DESID. Patron reverito. El va via senza saludarme. Poverazzo! Se cognosse el so bruseghin. In fatti... Co ghe penso anca mi... Cossa dirà siora Marcolina? La sbrufferà un poco. E po? E po bisognerà che la sbassa le ale, e che la se contenta anca ela. (parte)

apoverso]

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License