Carlo Goldoni
Sior Todero brontolon

ATTO TERZO

Scena Quarta. Cecilia e Nicoletto

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Quarta. Cecilia e Nicoletto

 

Altra camera.

 

CEC. Vegnì mo qua, sior, cossa diavolo me diseu?

NICOL. Zitto, che no i senta.

CEC. Eh! no ghe xe nissun. Disè, disè; cossa v'insunieu?

NICOL. Mi no m'insonio gnente. Ve digo cussì, che sior Todero me vol dar so nezza.

CEC. A chi?

NICOL. A mi.

CEC. Con quel muso?

NICOL. Co sto muso.

CEC. Eh! via, andèghela a contar ai morti.

NICOL. Sangue de diana, che me faressi dir! Cossa songio? Un pampalugo? Non ho da saver quel che i dise? Doman m'ho da maridar, e non ho da saver chi ha da esser mia muggier?

CEC. Doman v'avè da maridar?

NICOL. Siora sì, doman.

CEC. Chi ve l'ha ditto?

NICOL. Sior pare me l'ha ditto. E el m'ha ditto, che gnancora no diga gnente a nissun.

CEC. (Per diana! scomenzo a aver paura che el diga la verità. Se fusse mi, i m'averave ditto qualcossa).

NICOL. E no dormirò più co sior pare, e mi gh'averò la camera tutta per mi, e lu l'anderà a dormir in mezzà, e mi gh'averò la novizza, e i me vestirà pulito, e anderò fora de casa quando che vorrò mi. (gloriandosi di tutto questo)

CEC. (La xe una cossa che me farave strassecolar). Come diavolo se pol dar, che el paron ve voggia dar a vu una so nezza?

NICOL. Varè, vedè. Cossa sóngio mi?

CEC. Ve par che vu v'abbiè da metter con quella putta?

NICOL. Co i me mette lori, bisogna che i me possa metter.

CEC. Schiavo sior novizzo, donca. (con ironia)

NICOL. Ah? Cossa diseu? (allegro)

CEC. E de mi no ghe pensè più gnente? (mortificata)

NICOL. No ghe penso? Siora sì che ghe penso.

CEC. Co sposè la parona, per mi no gh'è più speranza.

NICOL. Perché no gh'è più speranza? Co la morirà ela ve sposerò vu.

CEC. Eh! povero mamalucco. Ma mi mamalucca, che no doveva tender alle parole de un frasca.

NICOL. Oe, no me strapazzè, savè, che ghel dirò a sior pare.

CEC. Cossa m'importa a mi? Disèghelo a chi volè vu. Sior sì, un frasca, un cabala, una carogna.

. Voleu zogar che debotto... (con isdegno)

CEC. Coss'è sto debotto? (alzando la voce)

NICOL. Son paron anca mi. (si riscaldano tutti due)

CEC. Mi no ve cognosso per gnente.

NICOL. E ve farò mandar via.

CEC. Vu me farè andar via?

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License