Carlo Goldoni
Sior Todero brontolon

ATTO TERZO

Scena Quinta. Marcolina, Fortunata e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Quinta. Marcolina, Fortunata e detti

 

MARC. Oe, oe. Cossa xe sto sussuro?

FORT. Siora Marcolina, xelo questo quel bel novizzo?

MARC. Siora sì. Cossa dìsela?

FORT. Mo caro! Mo che bella zoggia! Mo che fortunazza che ghe toccheria a quella putta! (ironico)

CEC. (Me par anca impussibile, che la parona ghe la voggia dar).

NICOL. Le diga, lo sale anca ele che son novizzo? Siora Zanetta lo sala?

MARC. Tocco de temerario, ti averessi tanto ardir de pretender de sposar la mia putta? No ti te vergogni, sporco, ignorantazzo, pezzente, de metterte con una mia fia? Cossa credistu, perché ti gh'ha dalla toa quel vecchio sordido de mio messier, che gh'averò paura de farte dar un fracco de bastonae? Se ti gh'averà ardir gnanca de vardarla mia fia, gnanca de minzonarla, no ti sarà mai più omo in tempo de vita toa.

NICOL. (Aseo!)

CEC. (Oh che gusto che gh'ho!)

FORT. Vedeu, sior novizzo? Questa sarà la dota che gh'averè.

NICOL. Mo per cossa mo? Cossa gh'oggio fatto?

MARC. Cossa che ti m'ha fatto?

FORT. No, siora Marcolina, la me compatissa, no la gh'ha rason de andar in collera co sto putto. Elo no ghe n'ha colpa. Nevvero, fio mio? Vu no ghe n'avè colpa. (fingendo dolcezza)

NICOL. Mi no ghe n'ho colpa.

FORT. Cossa gh'importa a elo de sposar so fia? Disè la verità, a vu v'importa gnente? (a Nicoletto)

NICOL. Mi no, gnente.

FORT. Figurarse, se in sta età gh'importa de maridarse! No ghe pensè nevvero de maridarve? (a Nicoletto)

NICOL. (Non risponde e guarda in terra)

FORT. Coss'è, no respondè? Gh'averessi voggia de maridarve?

NICOL. Mi sì, che me marideria.

FORT. Oh caro! e pretenderessi siora Zanetta?

NICOL. Mi no pretendo gnente, mi no pretendo.

MARC. Via, via, siora Fortunata, ho capio: da una banda lo compatisso. Poverazzo, el se vorria maridar, ma no gh'importa miga d'aver mia fia. Ghe scometto mi, che el gh'averia più a caro d'aver Cecilia. (finge anch'ella dolcezza)

FORT. Cossa diseu? La sposeressi Cecilia? (a Nicoletto)

NICOL. Mi sì che la sposeria.

CEC. Bisognerave véder, se mi lo volesse.

MARC. La varda, ela! che casi! Stamattina cossa m'ala ditto?

CEC. Mo no védela che no gh'importa gnente de mi? Che el me lassa mi per un'altra?

MARC. Per un'altra? Coss'è sto dir per un'altra? Ve metteressi dal pari con una mia fia?

FORT. Creature, queste xe tutte chiaccole che no serve gnente. Se vede che sti do se vol ben; ma el putto i l'ha fatto zo, e Cecilia se n'ha avù un pochetto per mal. Siora Marcolina, se la se contenta, mi voggio che la giustemo. Co l'è fatta, l'è fatta. Sto povero putto me fa peccà. Cecilia gh'ha del merito, e bisogna procurar de farghe sto ben. Maridémoli, e co i sarà maridai, la sarà fenia. Cossa diseu, sior Nicoletto?

NICOL. Certo! acciò che i me daga delle bastonae?

MARC. Mo no, caro fio, no ghe sarà sto pericolo. Diseva cussì, se pretendevi Zanetta, no miga per no darvela a vu, che un putto de garbo; ma perché l'ho promessa a un altro, e perché son desgustada co mio misier. Da resto ve voggio ben, ve assisterò, ve defenderò, no ve lasserò mancar el vostro bisogno. Se sior Todero ve manderà via, ve farò trovar un impiego.

FORT. Sì, sior Meneghetto ghe lo troverà.

MARC. Via, Nicoletto, cossa respondeu?

NICOL. Cossa vorla che diga? Mi farò tutto quel che la vol.

MARC. E vu, Cecilia, cossa diseu?

CEC. Cara ela, co la s'impegna che no ne mancherà pan...

MARC. Credo che me cognossè, credo che de mi ve possiè fidar.

FORT. Sentì, fioi: quel che s'ha da far, bisogna farlo presto, perché se i lo vien a saver...

NICOL. Se mio pare lo sa, poveretto mi.

FORT. Oe, voleu che chiamemo do testimoni, e che se destrighemo qua su do piè?

CEC. Vorla che chiama Gregorio? (a Marcolina)

FORT. Uno solo no basta.

CEC. Anderò al balcon, e farò vegnir de suso un de quei zoveni dal caffè.

MARC. Sì, via, destrigheve.

CEC. Vago subito. (Eh! come che nasse i casi, quando che manco i s'aspetta). (parte)

FORT. La ghe n'ha una voggia, che la s'inspirita. (a Marcolina)

NICOL. Lo saveralo mio pare?

MARC. Lassè far a mi.

FORT. Ve defenderemo nu. Cossa gh'aveu paura?

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License